in ,

Fiat Chrysler: ecco le sfide che Mike Manley dovrà affrontare in Europa

Mike Manley dovrà affrontare sfide importanti in Europa per risolvere i problemi di Fiat Chrysler nel continente

Mike Manley CEO di Fiat Chrysler

Il nuovo amministratore delegato di Fiat Chrysler Automobiles, Mike Manley, sarà chiamato presto ad affrontare qualche sfida in sospeso per il suo gruppo in Europa. Il suo predecessore, Sergio Marchionne, scomparso il mese scorso, ha salvato prima Fiat e poi Chrysler dalla bancarotta orchestrando la loro fusione, guadagnandosi la reputazione di specialista del settore . Ma Marchionne ha lasciato irrisolto il futuro delle attività legacy di FCA in Europa, compresi i marchi Fiat, Alfa Romeo e Maserati. 

Mike Manley dovrà affrontare sfide importanti in Europa per risolvere i problemi di Fiat Chrysler nel continente

Il nuovo numero uno di Fiat Chrysler Automobiles dovrà dunque affrontare molteplici sfide, tra cui la sovraccapacità degli impianti e una forza lavoro che in Europa rappresenta il 36% dei dipendenti di FCA nel mondo, in un continente in cui FCA realizza solo un decimo dei suoi profitti. Tre quarti delle vendite di FCA in Europa sono di vetture a marchio Fiat che hanno margini di profitto molto esigui. Un rilancio del marchio sportivo Alfa Romeo non si è ancora del tutto concretizzato, mentre Maserati offre un sano margine di profitto, ma i volumi di vendita della marca di lusso sono troppo piccoli per aumentare significativamente i risultati finanziari complessivi di FCA.

Mike Manley sfide

La morte di Sergio Marchionne ha riacceso i timori dei lavoratori di Fiat Chrysler sull’impegno della società nei confronti dell’Europa, in particolare in Italia, sede storica della Fiat, dove la compagnia ha ancora 60.000 dipendenti. Vedremo quali saranno le decisioni che verranno prese da Mike Manley per il futuro di FCA nel vecchio continente. 

Lascia un commento