in

Stellantis: punto di pareggio inferiore al 30% delle entrate in Nord America

Il COO di Stellantis, Mark Stewart ha confermato che grazie ad una riduzione dei costi il punto di pareggio in quella regione è molto basso

Stellantis logo

Il COO di Stellantis, Mark Stewart ha affermato che il punto di pareggio della casa automobilistica è inferiore al 30% delle entrate nella regione. Il CEO di Stellantis, Carlos Tavares, ha sottolineato l’obiettivo della casa automobilistica di mantenere il suo punto di pareggio complessivo al di sotto del 50% per effettuare la transizione verso una società di mobilità tecnologica sostenibile e resistere alle recessioni economiche poiché i segnali indicano un cambiamento dei modelli di domanda per pickup costosi e altri veicoli.

Stellantis: punto di pareggio inferiore al 30% delle entrare in Nord America

Dall’efficienza energetica ai costi della catena di approvvigionamento e alla qualità della produzione, Stellantis ha enfatizzato misure di riduzione dei costi nel corso degli anni per raggiungere quel livello, ha dichiarato il COO Mark Stewart lunedì all’Automotive News Congress. “Siamo in un’ottima posizione per affrontare un periodo di recessione”, ha affermato Stewart.

Ha sottolineato che ciò non è avvenuto attraverso licenziamenti, anche se la società ha offerto  incentivi all’uscita anticipata dall’azienda a colletti bianchi e ha effettuato tagli a turni e posti di lavoro in stabilimenti come a Belvidere in Illinois, a causa della carenza globale di microchip. Ha indicato l’uso di un’illuminazione più efficiente nelle sue strutture e un aumento dell’efficienza del 5% con più veicoli prodotti come esempi di misure adottate.

Stellantis
Stellantis

“Un punto di pareggio così basso in Nord America significa che possiamo superare alcune tempeste dure, quindi mi sento molto sicuro della nostra capacità di superare tutto questo”, ha detto Stewart. Stellantis prevede di lanciare 25 modelli elettrici a batteria in Nord America entro il 2030 che secondo Stewart potrebbero rappresentare fino al 53% delle vendite.

L’obiettivo è conquistare una quota di mercato e una redditività maggiore rispetto a quelle ottenute con i suoi veicoli con motore a combustione interna. Stellantis non vende ancora veicoli elettrici in Nord America, anche se i primi, incluso il furgone commerciale Ram ProMaster, sono previsti per il prossimo anno. Ha offerte ibride plug-in, che secondo Stewart probabilmente aumenteranno in base alla capacità dell’azienda di rispettare le normative sulle emissioni di carbonio e sul risparmio di carburante.

Le piattaforme per questi ibridi sono flessibili per ospitare anche veicoli elettrici completi. Per produrre quei veicoli, Stewart ha affermato che “c’è un senso di urgenza” per aprire un terzo impianto di produzione di batterie nella regione. La società ha già annunciato piani per strutture a Windsor, Ontario, con LG Energy Solution e a Kokomo in Indiana con Samsung SDI.

Ti potrebbe interessare: Stellantis: i problemi logistici sarebbero la causa delle disastrose vendite in UK

Looks like you have blocked notifications!