in ,

Alfa Romeo e Maserati: l’addio di Sergio Marchionne cambia i piani in Formula 1?

Secondo qualcuno con l’addio di Marchionne potrebbe cambiare la strategia in Formula 1 di Alfa Romeo e Maserati

Alfa Romeo Sauber

Anche in Formula 1 l’addio improvviso di Sergio Marchionne ha suscitato grande stupore. Oltre che per la sua posizione in Ferrari, Marchionne negli ultimi anni si era fatto notare dai dirigenti della Formula 1 e da quelli delle altre scuderie per essere un vero punto di riferimento per l’intero settore. Tra i tanti progetti a cui Marchionne lavorava, prima dell’improvviso stop a causa di gravi problemi di salute, vi era anche quello relativo al possibile ritorno di Maserati in Formula 1 dal 2019 grazie ad un accordo con Haas. Nei piani dell’ex CEO, il marchio del tridente dunque avrebbe intrapreso una strada simile a quella di Alfa Romeo che quest’anno è divenuta sponsor principale della scuderia elvetica di Sauber. 

Alfa Romeo e Maserati: con l’addio di Marchionne potrebbe cambiare la strategia in Formula 1?

A questo punto però l’annuncio di un accordo nella prossima stagione tra Maserati e Haas non sembra essere più così scontato come poteva apparire fino ad alcune settimane fa. Occorre infatti capire cosa ne pensano i nuovi vertici della società ed in primis il nuovo numero uno di Fiat Chrysler Automobiles, l’amministratore delegato Mike Manley. Anche per quanto riguarda Alfa Romeo, tifosi e addetti ai lavori iniziano a pensare che qualcosa possa cambiare. Marchionne aveva confermato di volere un marchio del Biscione sempre più protagonista in Formula 1 con il passare degli anni. Insomma quanto visto quest’anno sarebbe stato solo un assaggio di quello che sarebbe accaduto nei prossimi anni. 

Maserati e Alfa Romeo: dubbi sul futuro in Formula 1?

Marchionne infatti aveva promesso sempre maggiori investimenti per rendere la scuderia del Biscione un top team al pari di Ferrari e Mercedes. A questo punto si spera che i nuovi vertici di Fiat Chrysler possano fare luce su quello che sarà il futuro in Formula 1 di Alfa Romeo e Maserati già a partire dai prossimi mesi.