in

Stellantis: due ex venditori di FCA accusati di aver frodato il gruppo

Stellantis: si dichiarano non colpevoli i due ex venditori di FCA accusati di aver frodato il gruppo automobilistico

Marchi Stellantis

Due ex venditori di FCA negli USA della Parkway Chrysler-Dodge-Jeep-Ram nel Michigan si sono dichiarati non colpevoli di aver frodato Stellantis (che operava come FCA al momento del crimine) poco dopo essere stati incriminati con l’accusa di cospirazione per commettere frode telematica.

Stellantis: due ex venditori accusati di aver frodato il gruppo si dichiarano non colpevoli

Gli avvocati di Apollon Nimo e Farrah Bottris Bahoo, i due venditori incriminati, hanno affermato che i loro clienti non avrebbero fatto nulla di male. L’avvocato che rappresenta Nimo ha affermato che Stellantis era ben consapevole di ciò che stavano facendo i venditori, secondo quanto scritto da Automotive News.

Gli uomini sono accusati di aver utilizzato codici di sconto destinati ad essere usati dai membri delle famiglie dei dipendenti Stellantis nelle vendite e nei noleggi. Nimo, in particolare, è stato accusato di aver frodato Stellantis di 8,7 milioni di dollari attraverso l’uso di sconti per i dipendenti tra il 2014 e il 2021, in una denuncia presentata lo scorso anno dai pubblici ministeri federali.

Patrick Hurford, l’avvocato di Nimo, sostiene, tuttavia, che il suo cliente non ha rubato i numeri di sconto dei dipendenti e non li ha venduti come affermato. Dice che Nimo ha utilizzato codici sconto legittimi generati dai dipendenti in un momento in cui Stellantis era accusato di pagare i concessionari per mentire sui numeri di vendita.

Stellantis logo
Stellantis: si dichiarano non colpevoli i due ex venditori di FCA accusati di aver frodato il gruppo automobilistico

L’indagine su Nimo e Bahoo, tuttavia, è stata avviata quando i dipendenti di Stellantis hanno iniziato a lamentarsi del fatto che i loro codici sconto personali venivano utilizzati senza il loro consenso. Nel 2019, FCA ha fornito agli investigatori un elenco di 268 dipendenti i cui numeri di sconto erano stati segnalati come utilizzati senza autorizzazione. Tutti loro sono stati collegati dai pubblici ministeri alle vendite effettuate da Nimo.

Ti potrebbe interessare: Stellantis: il Messico accoglie la richiesta degli USA di valutare eventuali violazioni