in

Stellantis pianifica licenziamenti presso questo stabilimento

Stellantis conferma il licenziamento di un numero imprecisato di dipendenti presso lo stabilimento di Sterling Heigths negli USA

Stellantis Logo

Il gruppo Stellantis ha annunciato nelle scorse ore che inizierà a licenziare personale a partire dalla prossima settimana presso lo stabilimento di stampaggio di Sterling Heights nel Michigan. La quarta casa automobilistica più grande del mondo non ha specificato il numero di dipendenti licenziati, ma ha affermato che la decisione è stata presa “al fine di gestire l’impianto in modo più sostenibile”.

Stellantis licenzia dipendenti presso lo stabilimento di Sterling Heights

Una lettera pubblicata sulla pagina Facebook di United Auto Workers Local 1264, un sindacato che rappresenta i dipendenti dell’impianto di stampaggio Chrysler Sterling di proprietà di Stellantis, afferma che i licenziamenti avranno effetto a partire dal 20 giugno. La Sterling Stamping è il più grande impianto di stampaggio al mondo e impiega 2.184 dipendenti.

L’impianto produce stampaggio e assemblaggi per cofani, tetti, portelloni, aperture laterali, parafanghi e pianali. La casa automobilistica nel 2019 aveva annunciato che Sterling Stamping avrebbe ricevuto un investimento di 160 milioni di dollari come parte di un impegno di 4,5 miliardi di dollari nei suoi stabilimenti nel Michigan per supportare la produzione aggiuntiva di Jeep e Ram. Ciò avrebbe dovuto creare 80 posti di lavoro nell’impianto di stampaggio.

Separatamente, Unifor Local 444, il sindacato canadese dei lavoratori automobilistici che rappresenta i dipendenti del gruppo Stellantis presso lo stabilimento di Windsor Assembly in Ontario, martedì ha anche pubblicato su Twitter che lo stabilimento della casa automobilistica di Windsor sarà fermo la settimana del 20 giugno a causa di componenti insufficienti.

Stellantis sede
Stellantis conferma il licenziamento di un numero imprecisato di dipendenti presso lo stabilimento di Sterling Heigths negli USA

Stellantis continua a lavorare a stretto contatto con i nostri fornitori per mitigare gli impatti sulla produzione causati dai vari problemi della catena di approvvigionamento che il nostro settore deve affrontare”, ha affermato un portavoce dell’azienda. “Poiché la situazione continua a essere molto fluida, stiamo apportando gli adeguamenti della produzione necessari per ridurre al minimo l’impatto aggiuntivo sulla produzione”.

Ricordiamo infine che ad inizio giugno, Stellantis ha interrotto per una settimana le operazioni nel suo stabilimento di Melfi adducendo carenze di varie parti, compresi i semiconduttori. Vedremo dunque nei prossimi giorni quali altre novità arriveranno a proposito di questa notizia.

Ti potrebbe interessare: Stellantis: non ci sarebbero progressi nei colloqui coi sindacati in Serbia