in

Fiat Chrysler USA accusata di cospirazione criminale

Fiat Chrysler US accusata di cospirazione criminale negli USA rischia di dover pagare oltre 300 milioni di dollari in sanzioni

Fiat Chrysler USA Sede Insegna
Fiat Chrysler USA

Giovedì il Dipartimento di Giustizia ha accusato la divisione statunitense di Fiat Chrysler Automobiles di cospirazione criminale nella sua indagine pluriennale sulla frode sulle emissioni che circonda i veicoli con motori diesel. Reuters ha riferito la scorsa settimana che FCA US LLC, ora parte di Stellantis, ha accettato di dichiararsi colpevole di un’accusa di cospirazione criminale derivante dai suoi sforzi per eludere i requisiti di emissioni per oltre 100.000 vecchi pick-up Ram e SUV Jeep nella sua formazione statunitense e pagherebbe circa 300 milioni di dollari di sanzioni.

Fiat Chrysler rischia di dover pagare oltre 300 milioni di dollari negli USA

Il giudice distrettuale degli Stati Uniti Nancy G. Edmunds a Detroit ha fissato un’udienza di appello per Fiat Chrysler USA per le 13:30 di venerdì. Il governo accusa FCA US di cospirazione per aver frodato gli Stati Uniti per avere violato il Clean Air Act e per aver commesso frode telematica, ha affermato che la casa automobilistica ha ingannato le autorità di regolamentazione statunitensi e venduto i veicoli “sapendo che quei veicoli non rispettavano gli standard di emissioni statunitensi” e anche ha ingannato i clienti “facendo dichiarazioni false e fuorvianti”.

Il governo ha affermato che la proprietà di FCA negli Stati Uniti soggetta a confisca aveva un valore di 203,6 milioni. Fiat Chrysler USA dovrebbe anche pagare una multa penale di circa $ 96 milioni come parte dell’accordo. L’imminente dichiarazione di colpevolezza rappresenta l’ultima azione significativa che i funzionari statunitensi dovrebbero intraprendere contro FCA in materia di frode sulle emissioni.

Il patteggiamento arriva cinque anni dopo che Volkswagen AG si è dichiarata colpevole di accuse penali per risolvere la propria crisi delle emissioni che ha colpito quasi 600.000 veicoli in uno scandalo che è diventato noto come “Dieselgate”. L’inganno della Volkswagen ha accelerato un ulteriore controllo che ha portato i funzionari di entrambe le sponde dell’Atlantico a reprimere le case automobilistiche accusate di utilizzare software illegali durante i test sulle emissioni.

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler US accusata di cospirazione criminale negli USA rischia di dover pagare oltre 300 milioni di dollari in sanzioni

Le case automobilistiche europee si sono affidate alla cosiddetta tecnologia del diesel pulito per realizzare veicoli che potessero essere conformi a normative ambientali più severe solo perché i funzionari scoprissero che stavano inquinando di più sulla strada rispetto ai test che ne hanno certificato la vendita. Le case automobilistiche stanno ora concentrando gli sforzi sui veicoli elettrici alimentati a batteria.

Nel gennaio 2019, Fiat Chrysler ha concordato un accordo del valore di circa 800 milioni di dollari per risolvere le cause civili del Dipartimento di Giustizia e della California nell’indagine sulle emissioni diesel.

Ti potrebbe interessare: Fiat Chrysler: brevetto che integra turbocompressore nella testata