in

Stellantis: ancora licenziamenti in questo stabilimento

La carenza di semiconduttori sta causando non pochi problemi al gruppo automobilistico

Stellantis Logo

Il futuro dello stabilimento di assemblaggio Stellantis di Belvidere rimane in evoluzione poiché il gruppo automobilistico ha annunciato l’ennesimo arresto della produzione all’inizio di questo mese a causa di quella che l’azienda ha definito come una carenza globale di microchip senza precedenti.

Stellantis: a Belvidere si rischiano ulteriori licenziamenti

“Stellantis continua a lavorare a stretto contatto con i nostri fornitori per mitigare gli impatti sulla produzione causati dai vari problemi della catena di approvvigionamento che il nostro settore deve affrontare”, ha affermato ila portavoce dell’azienda Ann Marie Fortunate.

Lo stabilimento di Belvidere ha visto la sua forza lavoro, che ha superato le 5.000 unità di recente nel 2019, scendere a meno di 1.500 oggi a causa delle vacillanti vendite di Jeep Cherokee, che sono diminuite del 34 per cento nel 2021.

Stellantis ha recentemente annunciato l’intenzione di eliminare più posti di lavoro questo mese per far funzionare l’impianto in modo più sostenibile. Il prossimo round di licenziamenti, ha affermato la società, sarà raggiunto attraverso una combinazione di pacchetti pensionistici offerti al personale sindacale idoneo e riduzioni sia dei dipendenti temporanei che quelli a tempo intederminato.

La produzione nello stabilimento di assemblaggio di Belvidere è diminuita di quasi il 40% del primo trimestre di quest’anno, il che sta mettendo a dura prova le società fornitrici dello stabilimento, secondo il sindaco di Belvidere Clint Morris. Il minor numero di dipendenti nello stabilimento di assemblaggio ha anche un impatto sui servizi cittadini, ha affermato Morris.

Nonostante l’incertezza, i leader della comunità rimangono ottimisti sul futuro dell’impianto e sulla possibilità che Stellantis alla fine riorganizzi l’impianto per assemblare veicoli elettrici o un modello ibrido. “Siamo in costante conversazione con Stellantis”, ha affermato Pam Lopez-Fettes, direttore esecutivo di Growth Dimensions. “Quello che mi piacerebbe vedere assemblato a Belvidere è un veicolo ibrido. Vorremmo anche vedere qui un impianto di batterie per fornire batterie per i veicoli elettrici o i veicoli ibridi all’impianto di assemblaggio”.

Stellantis Belvidere
Stellantis Belvidere: lo stabilimento è a rischio di ulteriori licenziamenti secondo le notizie che trapelano dagli Stati Uniti

Lo stabilimento di assemblaggio di Belvidere è stato aperto nel luglio 1965 quando operava sotto la bandiera di Chrysler. I lavoratori dello stabilimento hanno assemblato di tutto, dalla Dodge Neon e Chrysler New Yorker fino ai modelli Jeep Compass e Jeep Patriot.

L’Assemblea Generale dell’Illinois ha approvato lo scorso anno il cosiddetto Reimagining Electric Vehicles Act, che prevede crediti d’imposta per le aziende che producono veicoli elettrici, componenti e batterie in Illinois.

Sebbene non sia stata annunciata alcuna decisione in merito alla produzione futura, Morris rimane ottimista sul fatto che i veicoli continueranno ad essere assemblati a Belvidere per il prossimo futuro date le condizioni dell’impianto, che descrive come all’avanguardia.

Ti potrebbe interessare: Stellantis, Hochgeschurtz: “Basta illusioni. Le auto costeranno di più”