in

FCA: nel primo semestre del 2018 produzione in calo in Italia

Nei primi 6 mesi del 2018, la produzione negli stabilimenti italiani di FCA è il calo del 2,5%

FCA

Arrivano brutte notizie dall’Italia per il gruppo Fiat Chrysler Automobiles. La produzione negli stabilimenti della società italo americana è in calo nel primo semestre del 2018 rispetto ai primi 6 mesi dello scorso anno. Lo hanno comunicato i sindacati che parlano di un calo del 2,5% rispetto allo scorso anno. Dopo 4 anni di continua crescita arriva dunque una flessione piuttosto consistente nella produzione di FCA. Si tratta comunque di un risultato prevedibile se si considera il particolare che questo risultato è perfettamente in linea con quanto avvenuto alla fine dello scorso anno, così come fatto notare dal segretario della FIM-CISL Ferdinando Uliano. 

Cala la produzione in Italia negli stabilimenti FCA nel primo semestre del 2018

Secondo Uliano, il fatto che la produzione diminuisca non è sicuramente un fatto positivo. Questo soprattutto pensando all’obiettivo della piena occupazione negli stabilimenti di FCA in Italia, traguardo che a questo punto sembra ancora più lontano rispetto allo scorso anno. Ovviamente questo calo è dovuto principalmente alla mancanza di nuovi modelli. Fino a quando questi non arriveranno la produzione è destinata a calare. Anche nel secondo semestre dell’anno si teme che a causa degli addii di Alfa Romeo MiTo e di Fiat Punto la situazione possa addirittura peggiorare rispetto ai primi 6 mesi. 

FCA Pomigliano

Per adesso però la situazione sembra essere meno drammatica rispetto a prima del 2014 quando il ricorso agli ammortizzatori sociali in FCA era stato molto più consistente di quello attuale. Non tutto però va male in Italia per Fiat Chrysler. Cresce la produzione di Alfa Romeo Stelvio a Cassino, di Fiat 500X e Jeep Renegade a Melfi e dei veicoli di Fiat Professional nella fabbrica di Sevel.