in

Incentivi auto benzina e diesel: 450 milioni in arrivo? 

Potrebbero essere stanziati incentivi auto benzina e diesel: 450 milioni di euro. Bonus non solo per le elettriche

incentivi auto 2

Secondo MF, il Governo starebbe pensando a stanziare incentivi auto benzina e diesel: 450 milioni di euro. Bonus non solo per le elettriche. Il tutto dentro il decreto Sostegni ter. Quindi, una spinta per auto a zer emissioni, ma anche per quelle termiche a bassissime emissioni: ibride plug-in, ibride, gas incluse. La soglia massima resterebbe quella delle emissioni di CO2 fino a 135 g/km.

Il problema resta la doppia anima del Governo Draghi. Da un lato il M5S, che vuole bonus solo per elettriche. Dall’altro il Pd, che spinge per bonus anche a favore delle termiche a basse emissioni. In passato, a fine 2021, questo ha causato una paralisi. Con effetti nefasti: zero incentivi.

Intanto, vFedermotorizzazione, la Federazione nazionale di Confcommercio per il settore della mobilità, chiede al Governo di ripensare in modo strutturale la politica degli incentivi” e di “incentivare la ricerca di carburanti sempre più puliti e biocompatibili. Il presidente Simonpaolo Buongiardino auspica un bagno di realismo: incentivi incentrati sulle basse emissioni senza la pregiudiziale della trazione elettrica.

incentivi auto 1

Incentivi auto necessari: ecco perché

Per Buongiardino, insicurezza economica e instabilità sociale generate dall’emergenza Covid hanno causato nel 2021 un netto calo nelle immatricolazioni rispetto al 2019. Queste ultime sono calate del 23,5% a 1.475.393 di veicoli rispetto al 2019, quando le immatricolazioni furono 1.928.197. Inutile il confronto con il 2020: le imprese del comparto sono rimaste chiuse più di un mese e mezzo a causa del lockdown.

Buongiardino ricorda come il comparto conti globalmente oltre 430.000 addetti, compresi gli agenti, con quasi 126.000 aziende attive e vale circa il 5% del Pil e del gettito fiscale. Da qui la richiesta di utilizzare la tecnologia già disponibile che azzera o quasi le emissioni dei motori più evoluti ed incentivare la ricerca di carburanti sempre più puliti e biocompatibili.

Urgono incentivi incentrati sulle basse emissioni senza la pregiudiziale della trazione elettrica. Questo fino al consolidamento della tecnologia che parifichi la trazione elettrica a quella endotermica in termini di costi, prestazioni, infrastrutture e disponibilità di energia, chiosa.