in

Iveco Group: debutto negativo in Borsa

Lo scorso 3 gennaio Iveco ha finalmente debuttato in Borsa, per la prima volta senza poter contare sull’apporto di CNH Industrial

Lo scorso 3 gennaio Iveco ha finalmente debuttato in Borsa, senza poter contare sull’apporto di CNH Industrial, in solitaria. Le cose però non sono andate così bene visto che, nonostante Iveco sia stata la prima matricola dell’anno, il suo titolo ha fatto registrare un risultato fortemente negativo che gli ha fatto perdere oltre il 9%.

La prima giornata di Iveco in Borsa si è perciò conclusa con un prezzo per azione che ha subito un decremento del 9,1% rispetto alla soglia di 11,22 euro indicati da Borsa Italiana come prezzo di riferimento. Allo stesso modo si è registrato un calo anche per quanto riguarda CNH Industrial, condizionato dalla situazione che ha accompagnato l’ingresso in Borsa di Iveco, per poi introdurre un piccolo recupero che ha conclusione ha portato CNH ad un -2,26%.

Per Iveco è stato un debutto con valori non previsti

La situazione non era stata prevista in casa Iveco, ma il CEO di Iveco Group Gerrit Marx ha provato a vedere la particolare situazione da un punto di vista differente. Sebbene infatti Iveco sia arrivata in Borsa come una delle matricole più interessanti del parterre, fortemente attesa dagli azionisti, ciò non è bastato per fargli fare quel balzo necessario che probabilmente in tanti si aspettavano. In ogni caso rimane il fatto che, dopo lo scorporo da CNH Industrial, Iveco diventa una società indipendente come sottolineato dallo stesso Gerrit Marx.

La volontà è quella di intraprendere una via di successi da registrare nel lungo periodo. Non è infatti detto che il comportamento fatto registrare da Iveco durante la sua prima giornata in Borsa sia quello che ci si deve aspettare nel prossimo futuro. nel complesso la perdita a fine giornata è stata del 10%, mentre quella fatta registrare da CNH Industrial nell’ordine dell’1%.

Lo scorporo delle attività On-Road di Iveco Group da CNH Industrial è stato voluto per la volontà di ragionare su strategie differenti e per le scarse sinergie col comparto dell’Agricoltura e delle Costruzioni. L’approdo in Borsa avviene con la possibilità che gli azionisti possano apprezzare questa nuova conformazione societaria che permette di ragionare su una omogeneità maggiore fra i diversi modelli di business disponibili.

Looks like you have blocked notifications!

Lascia un commento