in

Fiat Chrysler: dipendente appende cappio all’interno della fabbrica e viene licenziato

E’ successo in USA dove il dipendente di un’azienda subappaltatrice ha appeso un cappio nello stabilimento Fiat Chrysler

Il dipendente di un’azienda subappaltatrice di Fiat Chrysler Automobiles presso il Toledo Assembly Complex è stato licenziato dopo aver appeso un cappio all’interno della fabbrica. Lo ha confermato venerdì scorso un portavoce del gruppo italo americano. Le immagini di una spessa corda intrecciata legata a un largo cappio hanno iniziato a circolare sui social media nella mattina di venerdì. Diverse persone che hanno condiviso la foto hanno detto che è stata scattata nell’area del reparto di verniciatura della fabbrica. 

Il cappio appeso dentro lo stabilimento Fiat Chrysler di Toledo costa caro ad un dipendente che viene licenziato

In proposito Fiat Chrysler ha dichiarato di avere una politica di tolleranza zero per qualsiasi tipo di molestie o discriminazione. “L’incidente di ieri presso lo stabilimento di Toledo ha coinvolto un dipendente di un subappaltatore, che da allora è stato licenziato dal suo datore di lavoro. Gli standard di condotta statunitensi previsti dalla nostra azienda infatti si applicano non solo ai nostri dipendenti, ma anche a qualsiasi fornitore o appaltatore che sta svolgendo lavori nei nostri locali.”

Fiat Chrysler
Ecco il cappio costato caro ad un dipendente di una subbappaltatrice di Fiat Chrysler

Nello stabilimento viene prodotta la nuova generazione di Jeep Wrangler

Il dipendente non è stato identificato e un portavoce del gruppo italo americano ha rifiutato di fornire il nome dell’impresa di subappalto rimasta coinvolta nella vicenda. Fiat Chrysler ha circa 6 mila dipendenti nello stabilimento dove attualmente viene realizzatala nuova generazione di Jeep Wrangler. Per il momento sulla vicenda non è arrivata nessuna dichiarazione da parte dei rappresentanti del sindacato United Auto Workers Local 12.