in

Gomme lisce, pneumatici usurati? Cosa prevede la normativa vigente

Circolare con pneumatici lisci e consumati oltre che pericoloso per la sicurezza propria e degli altri utenti della strada, è pratica illegale e suscettibile di sanzioni. Tra le cose che di norma vengono suggerite prima di mettersi alla guida della propria auto, magari per un viaggio, è di controllare gli penumatici. E non ci riferiamo solo alla loro pressione.

Infatti la cura delle gomme della nostra auto dovrebbe essere la prima cosa. Fondamentale dal punto di vista della sicurezza in materia di circolazione stradale. Ma allo stesso tempo fondamentale per evitare di vedersi comminare sanzioni e multe da parte delle Forze dell’Ordine.

Infatti è la legge a sancire che si tratta di una violazione ed è la legge a stabilire i parametri che fissano il livello di consumo degli pneumatici.

Come capire se occorre cambiare le gomme e quando si può parlare di gomme lisce

Cambio gomme invernali Germania
Cambio gomme invernali Germania

Prima di addentrarci nelle sanzioni previste da parte del Codice della Strada, occorre fissare il punto sull’usura degli penumatici. Non poteva certo essere lasciato alla libera interpretazione di un agente delle Forze dell’Ordine lo stabilire quando e come si può parlare di gomme lisce. Il legislatore doveva per forza di cose intervenire fissando limiti e paletti.

Polizia Municipale, Polizia Stradale o  Carabinieri, sono questi gli organi di controllo che dovrebbero provvedere a controllare se l’auto fermata ad un posto di blocco ha le gomme a posto. E l’articolo n° 237 del Codice della Strada, già nel suo titolo dice tutto,

 “Efficienza dei veicoli e loro rimorchi in circolazione”

L’articolo n° 237 considera le gomme, come logica vuole, una parte importante dell’auto e stabilisce che sia le ruote che gli pneumatici, o sistemi equivalenti, montati sugli autoveicoli, motoveicoli, ciclomotori, rimorchi e filoveicoli devono essere in perfetta efficienza, privi di lesioni che possono compromettere la sicurezza. Ma non ci sono solo le lesioni o le gomme danneggiate. Perché anche l’usura ha lo stesso effetto sulle coperture con cui gli automobilisti circolano.

Naturalmente, anche se non è a libera interpretazione delle Forze dell’Ordine, la prima cosa che un agente controlla è il disegno del battistrada. Ed è anche la prima cosa che segnala, per il Codice della Strada, il livello di usura delle gomme. Secondo il Codice infatti, il battistrada deve avere un disegno ben visibile. Parliamo del rilievo delle nostre gomme, quello che serve per dare aderenza al veicolo e per far scivolare dentro l’acqua in caso di pioggia.

Il disegno deve essere ben visibile sulle gomme

Il disegno ben visibile deve riguardare la gomma nella sua interezza, ovvero per tutta la circonferenza. Sempre il Codice stabilisce il livello minimo di profondità di questi rilievi affinché una gomma possa essere considerata idonea alla circolazione.

Tale limite è pari ad 1,60 millimetri per le normali auto (limite che è più basso per le moto e i ciclomotori rispettivamente ad 1,00 millimetri e 0,50 millimetri). Va ricordato che la parte dove i militari delle Forze dell’Ordine dovrebbero controllare la profondità è la parte centrale del battistrada, che poi rappresenta il 75% dell’intera gomma.

Va sottolineato però che già ad 1,6 millimetri la gomma perde aderenza e i tecnici consigliano di cambiare le gomme già al di sotto dei 3 millimetri. In buona sostanza, una gomma con battistrada superiore a 1,6 millimetri non dovrebbe far prendere multe e sanzioni, ma meglio non avvicinarsi a quella soglia per questioni di sicurezza.

Rischi e sanzioni, cosa accade con gli pneumatici lisci o non a posto

Una gomma danneggiata da un parcheggio troppo vicino al marciapiede andrebbe sostituita per non compromettere la sicurezza. Allo stesso modo, un battistrada con profondità del disegno inferiore ai limiti di cui parlavamo nel paragrafo precedente, dovrebbe fare la stessa fine.

Inoltre, per viaggiare in sicurezza le gomme devono essere gonfiate alla giusta pressione e devono essere tra i modelli che sono previsti dalla carta di circolazione del veicolo in questione. Circolare con le gomme non idonee compromette l’aderenza e mette a rischio la stabilità del veicolo.

Lo scarso grip sull’asfalto da parte del veicolo è quanto di più pericoloso ci sia, alla stregua di circolare con i freni che non funzionano. Inoltre, per quanto detto in precedenza, sanzioni e multe sono inevitabili. Andando contro i dettami del Codice della Strada infatti, si è puniti severamente. La violazione infatti è punita, secondo l’articolo n° 79 del Codice della Strada, con una multa compresa tra 85 e 337 euro. E si rischia anche la sanzione accessoria della decurtazione dei punti sulla patente. Nello specifico si perdono due punti.

Looks like you have blocked notifications!

Lascia un commento