in

Stellantis: nel 2022 confermato orario di lavoro ridotto in Polonia

Stellantis: in Polonia il numero uno del gruppo automobilistico conferma orario di lavoro ridotto anche nel 2022 a causa della mancanza di semiconduttori

Continua il difficile momento di Stellantis in Polonia. Il numero uno della divisione polacca del gruppo automobilistico Roberto Matteucci, ha informato i dipendenti durante una teleconferenza che a causa della difficile situazione dell’azienda, derivante, tra l’altro, dalla mancanza di componenti elettronici, si dovrà continuare anche nel 2022 come nel 2021 con orari di lavoro ridotti.

Settimana corta anche nel 2022 per i dipendenti di Stellantis in Polonia a causa della crisi dei chip

A causa di questi problemi Stellantis produce un numero significativamente inferiore di auto rispetto a quanto pianificato. Ciò significa vendite inferiori e ricavi inferiori a quelli pianificati. Da qui la decisione di mantenere l’orario di lavoro ridotto nei mesi successivi. In pratica, ciò significa che Stellantis Polska non lavorerà il venerdì.

Un sistema di lavoro simile verrà applicato anche in altri paesi. Allo stesso tempo, i risparmi relativi agli stipendi servono a migliorare i risultati finanziari. Nel frattempo, cresce la preoccupazione per la riorganizzazione della rete di vendita. Tutti i concessionari di Stellantis sono stati classificati in base ai risultati raggiunti. Si cercano anche nuovi concessionari.

Consegne limitate e priorità ai mercati occidentali hanno avuto un impatto sulle prestazioni dei singoli marchi. A dicembre di quest’anno. Finora Citroën ha venduto 376 auto in Polonia, Fiat 730, Opel 781 e Peugeot 531. Queste quantità sono molto inferiori rispetto a quelle dello stesso periodo dell’anno scorso.

Stellantis Tychy
Stellantis: in Polonia il numero uno del gruppo automobilistico conferma orario di lavoro ridotto anche nel 2022 a causa della mancanza di semiconduttori

Vedremo dunque come si evolverà la situazione in Polonia per il gruppo automobilistico del CEO Carlos Tavares. Ricordiamo che dall’anno prossimo in Polonia dovrebbe partire la produzione del nuovo B-SUV di Jeep mentre nel 2023 dovrebbe toccare ad un nuovo modello di Fiat e a fine anno alla nuova Alfa Romeo Brennero. Con questi nuovi modelli e se sarà finalmente risolta la crisi dei semiconduttori il gruppo Stellantis potrà finalmente tornare in Polonia ad un orario di lavoro pieno.

Ti potrebbe interessare: Stellantis: presso lo stabilimento Sochaux i sindacati preoccupati per il cambio di manager

 

Looks like you have blocked notifications!

Lascia un commento