in

Alfa Romeo: il lancio continuo di nuove auto unica strada

Imparato pensa che il continuo arricchimento della gamma con nuovi prodotti sia l’unica strada

Secondo Jean-Philippe Imparato per il rilancio di Alfa Romeo c’è un’unica strada: il lancio continuo di nuovi modelli. L’amministratore delegato della casa automobilistica milanese ha confermato che ogni anno per molti anni vedremo una nuova auto fare il suo ingresso nella gamma del marchio automobilistico del Biscione. Si partirà il prossimo anno con il SUV Tonale, il cui debutto è stato spostato dallo stesso Imparato per sistemare alcune cose, e poi si continuerà nel 2023 con l’altro SUV compatto Brennero. 

Alfa Romeo ha l’imbarazzo della scelta: ogni anno lancerà una nuova auto

Imparato conferma che quanto accaduto in passato con Alfa Romeo che per lanciare un’auto faceva passare 4 o 5 anni non accadrà più. Adesso ci sono i mezzi, ci sono le tecnologie, ci sono le piattaforme. Il Biscione ha solo l’imbarazzo della scelta. Il francese ha confermato che una politica stabile e coerente è la cosa più importante per migliorare la salute dell’Alfa Romeo.

Monitoraggio costante della qualità delle auto e conciliazione delle aspettative degli appassionati del marchio con il mantenimento della redditività dell’azienda sono gli elementi cardine del futuro piano del Biscione. “Ogni anno mostreremo un prodotto interessante. La pianificazione del futuro del marchio è fondamentale. Sono già passato alla seconda fase.”

Alfa Romeo
Alfa Romeo: per il rilancio Imparato ritiene che il lancio continuo di nuovi prodotti possa essere l’unica strada

Come parte del gruppo Stellantis, secondo Imparato Alfa Romeo non deve vendere milioni di auto all’anno, ma deve guadagnarsi da vivere. Il CEO Ha detto che non punta solo a fare volumi ma deve garantire profitti a un livello che permetta al brand di crescere ulteriormente.

A tal fine farà riferimento alla fantastica storia dell’Alfa Romeo tornando a lavorare con i partner del passato. “Mi riferisco a Zagato, Pininfarina e altri. Insieme, costruiremo auto uniche in piccola serie e scriveremo una nuova storia sull’Alfa Romeo.”

Tuttavia, Imparato ha specificato che prima di realizzare i suoi sogni, dato che anche lui dice di essere un “alfista”, deve stabilizzare la situazione finanziaria dell’azienda. Il CEO dice di essere già pronto ad implementare questo piano passo dopo passo.

Prima dunque si dovrà completare il lavoro di base, solo dopo ci sarà tempo per sognare. L’amministratore delegato del Biscione ha pure confermato che utilizzerà i collegamenti sportivi dell’Alfa Romeo in Formula 1 per lanciare sul mercato qualche auto speciale con Sauber e Orlen.

Ti potrebbe interessare: Ecco come sarà la nuova Alfa Romeo secondo Mesonero-Romanos

Looks like you have blocked notifications!

Un commento

Lascia il tuo commento, condividi il tuo pensiero

Lascia un commento