in

Stellantis: accordo con i sindacati in USA

Stellantis: al pari di Ford e General Motors dopo un accordo con i sindacati ha deciso che non obbligherà al vaccino i suoi dipendenti in USA

Importante accordo con i sindacati in USA per il gruppo Stellantis. La casa automobilistica di Carlos Tavares insieme a Ford e General Motors ha deciso di non imporre alcun obbligo vaccinale ai suoi dipendenti. Questo contrariamente a quanto era stato dichiarato in un primo momento dal gruppo automobilistico. Sarebbe stato  il sindacato United Auto Workers ad anticipare per primo la notizia parlando con il quotidiano americano “The Hill”. 

Stellantis: niente obbligo di vaccino in USA per i suoi dipendenti

Nei giorni scorsi Stellantis aveva fatto sapere ai suoi circa 14 mila dipendenti negli Stati Uniti che senza vaccinazione entro i primi di gennaio avrebbero rischiato addirittura il licenziamento. Lo stesso era stato detto anche da Ford a proposito dei suoi dipendenti. Ovviamente questa notizia aveva suscitato grandi polemiche e dibattitti in USA.

Come avviene un po’ in tutti i paesi l’opinione pubblica si divide tra coloro che sono favorevoli alle vaccinazioni di massa che sono la maggioranza e una minoranza che si dice contraria. Poi qui in particolare il fatto che i lavoratori venissero costretti pena il licenziamento non era stata digerita da molti. I sindacati e i tre produttori automobilistici Stellantis, General Motors e Ford confermano però che i lavoratori a lavoro dovranno sempre indossare la mascherina e tenere le dovute distanze.

Stellantis Loghi
Stellantis: al pari di Ford e General Motors dopo un accordo con i sindacati ha deciso che non obbligherà al vaccino i suoi dipendenti in USA

I sindacati hanno precisato di essere favorevoli al vaccino e di ricordare sempre ai loro iscritti di vaccinarsi e fare vaccinare le proprie famiglie. Ma ovviamente l’obbligo con minaccia di licenziamento non andava proprio giù. Vedremo dunque se su questa questione potrà essere finalmente messa la parola fine.

Del resto Stellantis in USA ha sicuramente questioni molto più importanti di cui occuparsi in questo momento che come sappiamo è assai delicato per il settore automobilistico per molteplici motivi.

Ti potrebbe interessare: Stellantis: FCA di Pratola Serra prima per rischio esuberi? L’analisi

 

 

Looks like you have blocked notifications!

Lascia un commento