in

Stellantis Saragozza rescinde il contratto con IDL

Nello stabilimento di Figueruelas Stellantis ha deciso di rescindere il contratto di fornitura di servizi che aveva con IDLogistics

Stellantis

Stellantis ha deciso di rescindere il contratto di fornitura di servizi che aveva con IDLogistics presso il suo stabilimento di Figueruelas (Saragozza) e non surrogherà i suoi 186 lavoratori che, quindi, a spese di quanto deciso dalla propria azienda, rischiano il licenziamento. E’ stato il sindacato CGT a denunciare la cessazione in un comunicato in cui esprime “il suo più profondo rifiuto e la sua totale contrarietà” a una decisione che l’azienda ha giustificato con ragioni finanziarie e operative, poiché vi è un accertamento che IDLogistics” non sarebbe stata in grado di adempiere ai suoi obblighi contrattuali” e, quindi, avrebbe messo “a rischio la continuità della produzione di veicoli nello stabilimento di Saragozza”.

In questo modo Stellantis “protegge” la sua produzione, insiste l’azienda, il che assicura che la decisione non ha nulla a che fare con la mancanza di microchip né incide su nessun altro fornitore. CGT sottolinea che la misura interesserà circa 186 lavoratori, anche se Stellantis afferma che attualmente lavorano nello stabilimento circa un centinaio di dipendenti IDLogistics. Il management di Stellantis non surrogherà questi lavoratori e assumerà i compiti che hanno svolto con le proprie risorse materiali e umane.

Ma dal sindacato chiedono all’azienda la “surrogazione immediata” dei lavoratori interessati da un provvedimento “unilaterale” e chiedono che si assumano “quella responsabilità sociale di cui si vanta costantemente, nel rispetto delle sue condizioni e dei suoi diritti, ottenuta dopo molti anni di prestazione”. Secondo Stellantis, è la stessa IDLogistics che deve comunicare la sua nuova situazione ai suoi lavoratori e cercare, se del caso, una soluzione o una sistemazione in altri centri di lavoro.

Dalla CGT chiedono l’intervento dell’ispettorato del lavoro e del governo di Aragona e annunciano che daranno “tutto il loro sostegno e solidarietà ai colleghi di IDLogistics Automotive nelle azioni che vengono intraprese in difesa dei loro posti di lavoro”. “Non siamo merce, siamo persone con diritto a un futuro nelle migliori condizioni possibili”, sottolineano da CGT.

Questa mattina, infatti, dopo che la decisione di Stellantis è stata comunicata a IDLogistics sabato 9, diversi lavoratori di questa azienda sono andati al lavoro a Figueruelas ma non hanno avuto il permesso di entrare, denuncia CGT, la quale insiste sul fatto che nessuno di Stellantis li aveva informati della situazione. Gli operai hanno chiesto la presenza della Guardia Civil per redigere un verbale e poi hanno sporto denuncia presso la Caserma Alagón, paese vicino alla fabbrica.

Ti potrebbe interessare: Stellantis assume investigatori per indagare sui cattivi odori

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Lascia un commento