in

Ferrari: Carlos Sainz avrà la nuova power unit in Turchia

Sarà disponibile già in Turchia la nuova power unit Ferrari anche sulla SF21 di Carlos Sainz: il madrileno subirà una penalità in griglia

Dopo i positivi riscontri emersi dalla power unit 4 di casa Ferrari rinnovata in alcuni dettagli e utilizzata da Charles Leclerc a Sochi, durante il Gran Premio di Russia, sarà la volta di Carlos Sainz che avrà a disposizione la nuova power unit in occasione del Gran Premio di Turchia in programma nel weekend del prossimo 10 ottobre.

Come è noto, la power unit rinnovata dalla Ferrari non prevede un grosso incremento di cavalli (quantificabile in una decina di unità in più a disposizione) ma piuttosto introduce novità per ciò che riguarda l’ERS che guarda con fiducia alle nuove imposizioni regolamentari previste per il 2022. Così come era già successo a Charles Leclerc, anche per Carlos Sainz si configura una penalità da scontare in griglia di partenza dalla quale scatterà in fondo al gruppo.

La nuova power unit per Carlos Sainz arriva in Turchia, ovvero dove la Ferrari aveva previsto l’effettivo debutto prima che fosse stato deciso di anticipare il debutto a Sochi sulla SF21 di Charles Leclerc.

Ulteriori riscontri dalla power unit Ferrari dopo l’appuntamento della Turchia

Il Gran Premio di Turchia risulterà utile per tracciare la strada di uno sviluppo appena cominciato. Con due monoposto equipaggiate con la nuova power unit, in casa Ferrari si potranno effettuare raffronti più precisi e cercare riscontri ancora più interessanti di quelli espressi in Russia.

Si vogliono quindi verificare ulteriormente i margini di funzionamento delle nuove introduzioni, a cominciare dal nuovo ERS con sistema ibrido da 800 Volt (in crescita rispetto al precedente da 400 Volt) e batteria agli ioni di litio allo stato solido. In casa Ferrari si è lavorato per amplificare i valori prestazionali guardando comunque ad una concreta affidabilità complessiva: la volontà rimane quella di chiudere il gap con le power unit Mercedes e Honda nel 2022.

Grazie all’introduzione della nuova power unit Ferrari sulla SF21 di Carlos Sainz, in Turchia, si potrà avere un confronto ancora più interessante per comprendere quelli che saranno i valori effettivamente a disposizione a partire dal 2022 quando il lavoro sulle power unit rimarrà congelato per almeno 3 anni.

Lascia un commento