in

Stellantis: noleggio auto in abbonamento in stile Netflix

Free2Move di Stellantis con il suo servizio Car on Demand, potrebbe rappresentare un mercato da 30 a 40 miliardi di dollari entro il 2030

Stellantis

Secondo le previsioni del Boston Consulting Group, il mercato degli abbonamenti e dell’economia condivisa rappresenta una vera opportunità per il settore dell’autonoleggio. Il modello di abbonamento a noleggio, così come offerto da Free2Move del gruppo Stellantis con il suo servizio Car on Demand, potrebbe rappresentare un mercato da 30 a 40 miliardi di dollari entro il 2030.

Stellantis, attraverso il suo hub di mobilità Free2Move, si sta muovendo lentamente prima lì. A settembre 2021, infatti, la piattaforma proporrà la sua offerta Car On Demand nel Regno Unito e in Germania ma anche a Portland e Baltimora negli Stati Uniti. Altri lanci sono previsti entro la fine dell’anno, sia in Europa che negli Stati Uniti.

Questo servizio permette di avere un veicolo in qualsiasi momento grazie ad un abbonamento mensile senza impegno di durata. Risponde all’esigenza sempre più crescente degli utenti che desiderano avvalersi di un servizio di mobilità efficiente e senza vincoli, che copra tutti i loro casi d’uso. Con questo abbonamento di tipo Netflix, l’operatore propone, ad esempio, una Opel Corsa da 300€ al mese senza impegno orario con manutenzione inclusa e 2.500 km/mese.

“Dal suo lancio, due anni fa, abbiamo perfezionato e reso Car On Demand un servizio flessibile, efficiente e su misura, che si adatta alle nuove esigenze di mobilità degli utenti, sia privati ​​che professionali”, spiega Elodie Picand, Direttore Vendite e Marketing di Free2Move Mobilité.

“Il nostro servizio è considerato una vera alternativa all’acquisto per l’85% dei nostri clienti perché copre tutti i casi di utilizzo, sia giornaliero che occasionale. Siamo orgogliosi del successo che ha riscosso: nel 2021 abbiamo effettuato più di 110.000 richieste di abbonamento di noleggio con un tasso di raccomandazione del 97% da parte dei nostri clienti. “

Ti potrebbe interessare: Stellantis, tutte le preoccupazioni di Melfi, indotto compreso

Free2Move
Free2Move del gruppo Stellantis con il suo servizio Car on Demand, potrebbe rappresentare un mercato da 30 a 40 miliardi di dollari entro il 2030

Ti potrebbe interessare: Stellantis: anche in Argentina problemi alla produzione

Looks like you have blocked notifications!

Lascia un commento