in

Stellantis: anche in Argentina problemi alla produzione

Anche in Argentina Stellantis e altre case automobilistiche iniziano ad avere problemi con la produzione a casa della mancanza di chip

Stellantis

La mancanza di microchip nel mondo sta già colpendo Córdoba, uno dei centri nazionali di produzione automobilistica, sta colpendo gravemente l’intera industria a livello nazionale. In quella provincia vengono effettuati vari processi di assemblaggio, oltre alla produzione di parti e logistica che rifornisce l’intera filiera produttiva del Paese per marchi come Stellantis, Renault e Volkswagen. La carenza globale di queste forniture è iniziata poco più di un anno fa, con lo scoppio della pandemia. I microchip sono oggi utilizzati in quasi tutti i dispositivi del settore e nelle automobili svolgono un ruolo fondamentale.

E quella mancanza di produzione si fa già sentire sia nelle linee dell’industria che nei concessionari. Stellantis (Fiat Chrysler) ha dovuto interrompere la produzione di 1.600 unità questa settimana a causa della mancanza di microchip per i freni. D’altra parte, la Volkswagen ha dovuto sospendere la produzione della fabbrica di cambi che ha a Córdoba a causa della mancanza di questi input in tutto il mondo. Ciò riguarda non solo la produzione nazionale, ma anche la produzione regionale, poiché i riduttori Cordoba sono utilizzati in Brasile, oltre che in India.

Nel frattempo, Renault ha sospeso le linee di produzione, sebbene mantenga l’attività nel resto della sua organizzazione a Córdoba. In questo modo, le tre case automobilistiche con sede a Córdoba hanno qualche inconveniente a causa dei microchip.

Questo naturalmente complica l’attività di vendita a livello locale. Le concessionarie lottano da diversi mesi per poter consegnare veicoli a chilometro zero, con ritardi molto ampi rispetto alle vendite. Inoltre, questo fa sì che il prezzo delle auto aumenti notevolmente, data la scarsità di consegne e la mancanza di unità. I ritardi in alcuni casi possono arrivare fino a sei mesi per la consegna. Vedremo dunque se Stellantis e le altre case automobilistiche riusciranno a far fronte a questo problema nelle prossime settimane.

Ti potrebbe interessare: Stellantis Melfi: dopo settembre pure ottobre nero, 6 giorni di lavoro

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Lascia un commento