in

Stellantis: problemi con il nuovo stabilimento Jeep a Detroit

Stellantis: avviso di violazione contro lo stabilimento Jeep di Detroit da parte dello stato del Michigan a causa di “odori molesti”

Stellantis

Lo stato del Michigan lunedì ha presentato un avviso di violazione contro il nuovo stabilimento di assemblaggio Mack di Detroit di Stellantis a seguito di indagini sui reclami per odori molesti relativi alla struttura che produce la Jeep Grand Cherokee L. Stellantis ha tempo fino all’11 ottobre per avviare le azioni necessarie per correggere le violazioni citate e inviare una risposta scritta al Dipartimento dell’Ambiente, dei Grandi Laghi e dell’Energia del Michigan sui passi che sta adottando. La società può altresì opporsi all’applicazione giuridica della violazione.

Stellantis sta attualmente esaminando l’avviso ricevuto oggi da EGLE”, ha affermato la casa automobilistica in una nota. “Prendiamo seriamente tutte le questioni ambientali e comprendiamo la nostra responsabilità di essere un buon vicino. Stiamo lavorando con EGLE per identificare e risolvere eventuali problemi in modo affermativo”.

La società, precedentemente nota come Fiat Chrysler Automobiles, ha ampliato il suo sito sul lato est di Detroit da un impianto di motori parzialmente inattivo a un impianto di assemblaggio da $ 1,6 miliardi. Ha iniziato a consegnare i SUV a giugno ai concessionari. L’espansione ha creato rabbia e preoccupazioni da parte di alcuni residenti che vivono intorno allo stabilimento, soprattutto in relazione agli impatti sulla salute e sull’ambiente sul quartiere che già aveva accanto lo stabilimento di Jefferson North.

All’inizio di questo mese che la divisione per la qualità dell’aria di EGLE ha condotto indagini sui reclami ricevuti per gli odori molesti. Il 27 agosto, il personale ha osservato “odori persistenti e sgradevoli di vernice/solvente di moderata intensità (Livello 3) che colpiscono le aree residenziali sottovento alla struttura, secondo l’avviso. Odori simili di intensità moderata o forte (Livello 4) sono stati identificati anche su 31 agosto e 3 settembre, secondo gli ispettori.

Le norme statali e il permesso della casa automobilistica per l’installazione di unità di emissione stabiliscono che il funzionamento delle apparecchiature sul sito non dovrebbe comportare l’emissione di un contaminante dell’aria che “causasse interferenze irragionevoli con il comodo godimento della vita e della proprietà”.

Stellantis ha affermato che il nuovo impianto è una delle sue operazioni di produzione più efficienti e sostenibili e che gli aggiornamenti al suo impianto di assemblaggio di Warren stanno riducendo le emissioni di composti organici volatili del 30% nella regione delle sette contee del sud-est del Michigan, che è già al di sopra dei limiti dell’Agenzia per la protezione ambientale. sull’ozono, un gas tossico creato quando i COV si combinano con l’atmosfera. Secondo l’azienda, Mack Assembly ha il tasso di emissioni di COV più basso di qualsiasi impianto di assemblaggio statunitense.

Ti potrebbe interessare: Stellantis: da ottobre importante cambiamento a Vigo

Looks like you have blocked notifications!

Lascia un commento