in

Stellantis taglia posti di lavoro in un altro paese

Nonostante la crescita della produzione di Fiat Cronos, il gruppo Stellantis ha deciso di ridurre di 150 unità i posti di lavoro a Cordoba

Stellantis
Stellantis

Nel bel mezzo della crescita dell’industria automobilistica argentina, il gruppo Stellantis ha avviato un piano di pensionamento volontario per ridurre la sua forza lavoro in Argentina. La misura potrebbe raggiungere fino a 150 dipendenti nello stabilimento di Córdoba dove viene prodotto il modello Fiat Cronos. Proprio questo è uno dei veicoli di maggior successo del momento e grazie a questo veicolo la fabbrica gode di un’attività importante.

Tale è il successo di Fiat Cronos, che per quest’anno si prevede di quasi raddoppiare la produzione a Córdoba. Saranno prodotte 70.000 unità, rispetto alle 33.000 dell’anno scorso. Inoltre, questo modello è uno dei migliori esportati in Brasile. Allora perché si verifica l’adeguamento? Come è emerso, la riduzione di Fiat sarebbe legata alla sua integrazione nel Gruppo Stellantis, conglomerato che la unisce a PSA (Peugeot-Citroën).

José Porras, segretario generale di Smata Córdoba, ha affermato che Stellantis ha un piano aperto per i ritiri volontari e ha parlato di una ristrutturazione. ” È totalmente volontario. È a causa della ristrutturazione che esiste. Molte persone si sono trasferite in altri luoghi “, ha detto. Infatti, lo stabilimento FCA di Cordoba impiega 1.400 persone e ci sono “cambiamenti di compiti” che richiedono di incorporare nuove persone in alcune aree e ridurre il numero di posti di lavoro in altre , afferma La Voz.

Inoltre, è anche noto che l’adeguamento presso lo stabilimento di Stellantis era già stato progettato nei mesi precedenti la pandemia di coronavirus. Il sindacato ha anche chiesto che venga posticipato fino alla normalizzazione dell’attività produttiva, cosa che sta accadendo ora.

Dal sindacato dei meccanici avvertono che adeguamenti di questo tipo sono in atto anche nello stabilimento motori di FPT, del gruppo CNH Industrial, in contemporanea all’incorporazione degli operai dello stabilimento Iveco. In questo contesto, il sindacato ha avviato trattative con le aziende fornitrici che necessitano di lavoratori per assumere dipendenti che devono lasciare il posto in Fiat. In questo senso, sottolineano che la fabbrica Santa Isabel di Renault Argentina ha assorbito i lavoratori di Polymont, uno dei suoi fornitori che era sull’orlo del fallimento lo scorso maggio.

Ti potrebbe interessare: Stellantis Windsor: importante riconoscimento

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI