in

F1: ecco come Amazon sta aiutando nelle nuove regole

È stato creato un computer estremamente potente in modo da elaborare tutti i dati senza problemi

Formula 1 Amazon Web Services AWS

Rob Smedley, ex ingegnere di Jordan, Ferrari e Williams, ha rivelato nelle scorse ore di aver lavorato duramente per creare le nuove regole aerodinamiche per la F1, che saranno applicate dall’inizio della stagione 2022.

L’idea è quella di utilizzare parzialmente l’effetto suolo, attirando carico aerodinamico da sotto le monoposto, oltre a delle ali anteriori e posteriori intelligenti per consentire alle vetture di correre più vicine tra loro. Teoricamente, questo nuovo sistema permetterebbe alla Formula 1 di tornare al suo massimo splendore.

Rob Smedley
Rob Smedley

F1: è stato creato un super computer usando AWS per le nuove regole 2022

Per farlo, Smedley ha utilizzato un super computer, anche se non esiste fisicamente. Infatti, la F1 si è rivolta ad Amazon Web Services (AWS), che attraverso il cloud può collegare più computer tra loro per formare un unico PC virtuale estremamente potente.

Quando sviluppi qualcosa, il punto è che vuoi fallire più velocemente, in modo da poter ottenere la risposta giusta. Devi avere l’infrastruttura e l’architettura che ti consentano di farlo, per ottenere rapidamente tutte le risposta sbagliate. Quindi AWS è stato fondamentale per questo, permettendoci di eseguire simulazioni e modelli molto, molto rapidamente. Quindi abbiamo ridotto il tempo da quattro giorni a circa otto ore per ogni iterazione di progettazione”, ha dichiarato Smedley.

Il dirigente non ha parlato soltanto della creazione di una forma di monoposto, ma anche l’utilizzo della fluidodinamica computazionale per creare una galleria del vento virtuale in un computer, mappando e prevedendo ogni molecola d’aria che scorre sulle superfici delle vetture.

Alcuni hanno messo in dubbio gli ultimi sviluppi fatti fino ad ora

L’obiettivo è quello di catturare la turbolenza che esce dal retro di una monoposto e deviarla verso l’alto e lontano dalla vettura presente dietro. In questo modo è possibile aumentare potenzialmente i sorpassi e i versus tra i piloti, rendendo le gare più avvincenti. Alcuni, come Gary Anderson, hanno messo in dubbio questo design, rivelato in forma concettuale in occasione del Gran Premio di Gran Bretagna, affermando che non sarà abbastanza per aiutare e che le scuderie più veloci resteranno avanti.

Smedley sta cercando un modo per risolvere anche questa cosa, collaborando con Symonds (ex di Benetton e Renault) e Jason Somerville (ex Williams) per sottoporre a stress test ogni progetto così da cercare di chiudere le aree che potrebbero dare a una scuderia un vantaggio troppo grande.

Abbiamo preso il progetto e l’abbiamo dato al nostro gruppo di aerodinamici e abbiamo detto: ‘Siete tutti ex membri del team. Prendi questo set di regole e prova a sfruttarlo, per trovare le aree grigie’. Poi saremmo tornati indietro e avremmo modificato di nuovo le regole e il design per riflettere questo. Direi che era circa 50:50 per ottenere le regole e i progetti, e poi sottoporli a test. Non lo otterremo correttamente al 100%, ma possiamo continuare a modificarlo utilizzando i regolamenti sportivi e la governance dello sport, e continuare a puntare tutto verso la cosa giusta, che sta cercando di far crescere la base di fan di questo sport”, ha concluso Rob Smedley.

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento