in

Stellantis avrà cinque gigantesche fabbriche di batterie

Alla fine saranno 5 in totale le gigafactory di Stellantis nel mondo

Stellantis
Stellantis

Il Gruppo Stellantis avrà cinque “gigafabbriche” suddivise tra Europa e Nord America per soddisfare le esigenze di fornitura di batterie e componenti per veicoli elettrici. La roadmap dell’elettrificazione di Stellantis abbraccia l’intera catena del valore, con il Gruppo, guidato dal portoghese Carlos Tavares, che investe nella costruzione di giganteschi impianti di batterie.

Stellantis avrà cinque “gigafabbriche” suddivise tra Europa e Nord America

Queste cinque gigafabbriche sorgeranno in Europa e Nord America per soddisfare le esigenze di fornitura di batterie e componenti per veicoli elettrici. Allo stesso tempo, la produzione di queste gigafabbriche sarà integrata con ulteriori contratti di fornitura e partnership per soddisfare la domanda totale. La strategia di fornitura di batterie per veicoli elettrici dell’azienda mira a garantire oltre 130 gigawatt/ora (GWh) di capacità entro il 2025 e oltre 260 GWh entro il 2030.

Ricordiamo che nei giorni scorsi Stellantis ha firmato memorandum d’intesa con due partner del processo di esplorazione geotermica del litio in Nord America ed Europa, al fine di garantire un approvvigionamento sostenibile di litio, identificato come la materia prima più critica per le batterie in termini di disponibilità, nonché avere la capacità di integrare il litio nella catena di approvvigionamento una volta che è disponibile. Oltre alle strategie di approvvigionamento, l’esperienza tecnica e le sinergie di produzione di Stellantis ridurranno i costi delle batterie.

Il Gruppo stima che i costi dei pacchi batteria per veicoli elettrici dovrebbero essere ridotti di oltre il 40% tra il 2020 e il 2024 e di un ulteriore 20% entro il 2030. “Tutti gli aspetti del pacco batteria giocano un ruolo nella riduzione dei costi, ottimizzando il pack nel suo insieme, semplificando il formato dei moduli, aumentando le dimensioni delle celle e migliorando il contenuto chimico della batteria”, spiega il Gruppo.

L’azienda mira a massimizzare il valore del ciclo di vita totale della batteria attraverso la riparazione, la rigenerazione, l’uso di una seconda vita e il riciclaggio, oltre a garantire un sistema sostenibile che dia priorità alle esigenze dei clienti e affronti le preoccupazioni ambientali.

Ti potrebbe interessare: Stellantis riorganizza la filiera della componentistica

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento