in

FCA: cassa integrazione a maggio per più di mille dipendenti

Ancora cassa integrazione per i lavoratori di FCA

Dopo aver annunciato, la scorsa settimana, il ritorno della cassa integrazione per quasi 6 mila addetti degli Enti Centrali di Mirafiori, FCA annuncia che nel corso del prossimo mese di maggio è previsto un ulteriore ricorso alla cassa integrazione. Questa volta ad essere interessati dal provvedimento sono più di mille dipendenti: 614 addetti del Centro Ricerche Fca (Crf) di Mirafiori e Orbassano e per i 557 addetti di Fca Group Purchasing di Torino e Grugliasco. I giorni di ricorso alla cassa integrazione ordinaria saranno tre: 18, 25 e 28 maggio.

Ecco il commento, rilasciato agli organi di stampa, sul nuovo provvedimento di FCA di Federico Bellono e Ugo Bolognesi, segretario provinciale Fiom-Cgil e responsabile Mirafiori del sindacato: “L’esigenza di contenere i costi si accompagna ad una contrazione delle attività, con l’utilizzo di cassa integrazione in settori tradizionalmente esclusi dagli ammortizzatori sociali”

Da notare, inoltre, che a partire dal prossimo 26 di aprile, all’Unione Industriale di Torino, riprenderà il confronto sul trasferimento da Mirafiori a Grugliasco di circa un migliaio di lavoratori, un provvedimento che si rende necessario a causa della fine dei contratti di solidarietà alle Carrozzerie del sito di produzione piemontese che deve fare i conti con oltre 3 mila esuberi.  

Lo stato dei siti di produzione italiani di FCA è davvero difficile. In attesa del nuovo piano industriale c’è, infatti, tantissima incertezza sul futuro. L’avvio di nuovi progetti appare, infatti, quanto mai lontano ed il rischio concreto è quello di dover affrontare ancora molti mesi di totale incertezza in merito alle reali tempistiche in cui si concretizzerà il rilancio degli stabilimenti.

L’unica certezza, al momento, è che il target della piena occupazione negli stabilimenti italiani di FCA è ancora molto distante e non sarà raggiunto, di certo, in questo 2018. Continuate a seguirci per tutti gli aggiornamenti legati alle novità in arrivo da FCA.

Fonte