in

Carlos Tavares incontra oggi i sindacati francesi

Dopo aver incontrato i sindacati italiani a fine gennaio, Carlos Tavares si incontrerà questo lunedì con i sindacati francesi

Carlos Tavares

Dopo aver incontrato i sindacati italiani a fine gennaio, Carlos Tavares si incontrerà questo lunedì con i sindacati francesi. Questo sarà il loro primo incontro dopo l’ufficializzazione della fusione tra PSA e Fiat Chrysler che ha portato alla nascita di Stellantis. E come in Italia negli stabilimenti Fiat, il direttore generale del nuovo gruppo dovrà rassicurare i dipendenti.

Obiettivo di questo incontro: comprendere la strategia del gruppo Stellantis. Perché anche oggi Carlos Tavares non ha svelato il ruolo del gruppo francese nella fusione. “Speriamo di avere un chiarimento sulla distribuzione del lavoro all’interno di Stellantis”, afferma Olivier Lefebvre, rappresentante sindacale centrale FO PSA. “Faremo di tutto per mettere in risalto i siti francesi. Perché ora che Stellantis è tra le stelle, non dobbiamo dimenticare il pianeta Francia”, continua.

I sindacati temono che con la fusione il know-how francese venga trasferito ai siti italiani. In particolare per quanto riguarda le posizioni di ricerca e sviluppo e le funzioni di supporto del gruppo. “Di fronte alla sovraccapacità di produzione in Italia, Carlos Tavares ha due opzioni: ridurre le dimensioni delle fabbriche italiane o riempirle a scapito di altri siti. Questo è ciò di cui dobbiamo essere consapevoli”. più chiaramente “, conclude Olivier Lefebvre.

Dal lato gestionale, lo ha già annunciato il CEO di Stellantis nella sua conferenza stampa lo scorso gennaio . “Non prevediamo la chiusura di stabilimenti con la fusione”. Una premessa che da allora non è cambiata.

Tuttavia, il gruppo ha annunciato a fine febbraio il trasferimento della produzione del motore EP previsto nello stabilimento PSA di Douvrin, al sito Opel di Szentgotthard in Ungheria. Una scelta che preoccupa i sindacati. “È incomprensibile” per Christine Virassamy, delegata sindacale centrale CFDT Stellantis.

“A dicembre, la direzione ha comunicato l’attribuzione di questo motore a Douvrin, orgoglioso dell’accelerazione sulla transizione energetica. E giovedì 25 marzo, scopriamo il trasferimento di questo motore in Ungheria. Questo mostra il livello di dialogo sociale, noi dovevano davvero affrontare un fatto compiuto “.

Ti potrebbe interessare: Carlos Tavares: si al rilancio dei marchi, nuovi veicoli elettrificati e nessuna chiusura di stabilimenti in Italia

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento