in

Alfa Romeo Brennero sarà prodotto da gennaio 2023

Secondo indiscrezioni la produzione di Alfa Romeo Brennero inizierà nel mese di gennaio del 2023

Alfa Romeo Brennero
Alfa Romeo Brennero

Arrivano importanti novità dal gruppo Stellantis. Secondo quanto rivelato nelle scorse ore da Automotive News che avrebbe citato fonti a conoscenza della questione, il futuro B-SUV di Alfa Romeo che forse si chiamerà Alfa Romeo Brennero inizierà ad essere prodotto a partire dal mese di gennaio del 2023.

La produzione di Alfa Romeo Brennero inizierà nel mese di gennaio del 2023

La sua produzione sarà effettuata presso lo stabilimento Stellantis di Tychy in Polonia insieme ad altri modelli del gruppo guidato da Carlos Tavares tra cui Jeep mini SUV e un altro modello compatto di Fiat. Tutti questi modelli saranno realizzati su piattaforma CMP del gruppo PSA e avranno almeno una versione completamente elettrica.

Alfa Romeo Brennero sarà la nuova entry level della gamma della casa automobilistica del Biscione. Questo modello sarà inoltre il primo dello storico marchio milanese ad avere una versione completamente elettrica.

Grazie ad Alfa Romeo Brennero le vendite del Biscione dovrebbero subire una vera e propria impennata in special modo in Europa dove modelli di questo tipo vanno attualmente per la maggiore.

Il fatto che la produzione di Alfa Romeo Brennero  inizierà nel mese di gennaio del 2023 significa inoltre che la sua presentazione avverrà quasi certamente nel corso dell’autunno del 2022 a circa un anno dal debutto di Alfa Romeo Tonale. La commercializzazione dovrebbe invece partire nei primi mesi del 2023.

Ti potrebbe interessare: Alfa Romeo Tonale: il Biscione scoprirà a poco a poco il suo nuovo SUV

Alfa Romeo: grosse novità in arrivo

Alfa Romeo Brennero
Alfa Romeo Brennero: la sua produzione partirà nel mese di gennaio del 2023 secondo le ultime indiscrezioni

 

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento