in

Questa Jeep DJ del 1971 è stata trasformata in una hot rod

Sotto il cofano si nasconde un motore V8 Chevrolet da 6.3 litri

Jeep DJ 1971 asta

I veicoli utilizzati per consegnare la posta non hanno sicuramente l’obiettivo di essere superveloci. Questo però non è il caso di questa Jeep DJ del 1971 che è stata trasformata in una hot rod davvero unica da mostrare al SEMA Show di Las Vegas.

La carrozzeria della Jeep utilizzata dall’US Postal Service è stata tagliata e dotata di un tetto apribile in tessuto. Inoltre, è presente un telaio personalizzato con sospensioni pneumatiche presenti su tutti e quattro gli angoli. Il look è stato ulteriormente migliorato da cerchi personalizzati Budnik supportati da un impianto frenante con pinze rosse.

Jeep DJ 1971 asta
Jeep DJ motore

Jeep DJ: un esemplare ampiamente modificato sarà battuto all’asta il mese prossimo

Sebbene il modello sia stato ampiamente modificato, può essere ancora facilmente riconosciuto per via della griglia originale e delle porte scorrevoli. Inoltre, troviamo un’ampia porta posteriore con la scritta Jeep in rilievo.

All’interno della particolare Jeep DJ troviamo dei sedili personalizzati in pelle rossa e una console centrale abbinata. Il modello dispone poi di un cruscotto personalizzato, una strumentazione moderna e un impianto audio Kicker con enormi subwoofer. Ultimo ma non meno importante dettaglio, c’è un piantone dello sterzo cromato con volante particolare, entrambi posizionati sul lato destro e in linea con il veicolo postale originale.

Una cosa sicuramente non di serie è il motore V8 Chevrolet da 6.3 litri che dispone di due carburatori a quattro cilindri. Purtroppo non sappiamo quanto potenza produce questo propulsore ma è abbinato al cambio automatico Turbo 400 a 3 rapporti. La speciale Jeep DJ sarà proposta all’asta da Barrett-Jackson il mese prossimo senza riserva.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento