in

Stellantis in Brasile: nuova strategia per il gruppo di Tavares

In Brasile Stellantis attuerà una nuova strategia in modo che i suoi marchi evitino di pestarsi i piedi a vicenda garantendo la loro complementarietà

fusione-stellantis-fca-psa

In Brasile Stellantis riunirà marchi famosi con una storia importante nel paese. A cominciare da Fiat, marchio che ha sempre avuto un’ottima accoglienza in quel mercato, con Jeep, che ha costruito un portafoglio nazionale di successo, così come le francesi Citroën e Peugeot, che dovrebbero ricevere una spinta nei prossimi anni ormai sotto la nuova società. Stellantis opererà anche qui in Brasile con il marchio Ram specializzato in pickup.

In Brasile Stellantis attuerà una nuova strategia in modo che i suoi marchi evitino di pestarsi i piedi a vicenda garantendo la loro complementarietà

A gennaio, Stellantis è diventato il principale conglomerato automobilistico nelle vendite in Sud America. Solo in Brasile, 45.644 auto sono state vendute tra i quattro marchi, raggiungendo una quota di mercato del 28,1%. Il nuovo gruppo ha ottenuto anche una partecipazione del 29% in Argentina, dove era anche leader nelle vendite.

Nella stessa conferenza stampa in cui ha presentato i piani Fiat per il 2021 qui in Brasile, Herlander Zola, direttore del marchio nel Paese, ci ha presentato alcune importanti linee guida che dovrebbero guidare le attività di Stellantis qui.

Secondo il dirigente, la prospettiva è che Stellantis assembli un portafoglio di prodotti complementari guardando tutti i suoi marchi in Brasile. “ Ogni marchio avrà la sua identità preservata. L’idea è quella di creare una gamma complementare ”, ha rivelato Zola all’incontro con la stampa specializzata. Pertanto, è chiaro dal discorso del dirigente che difficilmente avremo due modelli di uno marchi di Stellantis in Brasile che opereranno nello stesso segmento.

Quando si guarda alla strutturazione dei marchi di Stellantis in Brasile, la missione non sarà difficile, poiché ogni azienda che integra il conglomerato ha un orientamento molto chiaro e definito. Come abbiamo detto, Ram sarà responsabile dei pickup più grandi. Jeep, da parte sua, si identifica naturalmente con il segmento fuoristrada e dovrebbe essere responsabile dell’immissione sul mercato principalmente di SUV con trazione 4×4. Fiat dovrebbe preservare il suo orientamento di auto urbane e concentrarsi sul segmento delle auto con un rapporto qualità prezzo elevato. Peugeot e Citroën, a loro volta, dovrebbero operare nella gamma dei “compatti premium” e dei modelli con una maggiore attenzione alle finiture, al design e alla raffinatezza, immagine già più consolidata e legata a questi marchi.

Parallelamente, la comunione di diversi marchi sotto lo stesso gruppo aziendale può aiutare altri modelli a diventare ancora più competitivi, migliorando i risultati dell’azienda nella regione. Ad esempio, la Peugeot 208 prodotta in Argentina potrebbe ricevere il motore 1.0 turbo ad iniezione diretta che Fiat produrrà a Betim (MG). Questo sarà sicuramente qualcosa che cambierà il gioco per il modello francese in Brasile.

Stellantis avrà una linea di marchi e modelli molto interessante in Brasile. Preservando correttamente i punti di forza di ciascuno dei marchi e aumentando la sua partecipazione in segmenti di mercato chiave, tutto suggerisce che il conglomerato di nuova creazione avrà tutte le condizioni per avere molto successo in quell’importante mercato.

Ti potrebbe interessare: Fiat Strada seconda vettura più venduta in Brasile nella prima metà di febbraio

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento