in

Rinviato al 17 febbraio lo sciopero “FIAT plastik”

La sospensione totale dei lavori nella fabbrica “FIAT plastik”, annunciata per giovedì a causa della riduzione degli stipendi, è stata rinviata al 17 febbraio

FCA Serbia
FCA Serbia

La sospensione totale dei lavori nella fabbrica “FIAT plastik”, annunciata per giovedì a causa della riduzione degli stipendi, è stata rinviata al 17 febbraio, ha detto l’agenzia Beta dopo aver parlato con il Comitato di sciopero.

Il consiglio dice che la data dello sciopero generale è stata spostata per “motivi strategici”, perché è possibile che l’11 febbraio originariamente annunciato sarà un giorno non lavorativo, così inoltre al datore di lavoro viene data una nuova possibilità di negoziazione.

Scioperi di avvertimento di un’ora sono stati tenuti in fabbrica dal 12 gennaio, perché i lavoratori chiedono che i loro stipendi non vengano ridotti, cioè che i loro stipendi vengano riportati al livello di prima del 1 gennaio 2021.

Il presidente del comitato di sciopero, Zoran Miljković, ha dichiarato, come ospite dello spettacolo “Pravi ugao” su RTV Vojvodina, che i dipendenti erano insoddisfatti perché il loro datore di lavoro ha ridotto i loro stipendi di oltre il 50 per cento modificando il Regolamento interno di propria iniziativa.

In precedenza, il sindacato “FIAT Plastik” ha rifiutato di firmare il Contratto Collettivo con il datore di lavoro, che era stato precedentemente, dopo trattative, accettato dal Sindacato Indipendente in FCA.

Il contratto collettivo, come si dice nel sindacato di “FIAT Plastik”, non è mai stato ricevuto dal datore di lavoro.

L’hanno invece firmata i loro colleghi della società Fca, anche se, come afferma “FIAT plastik”, “il 90 per cento dei lavoratori non sapeva nemmeno cosa avessero firmato”.

“Per noi, l’elemento controverso che insulta la dignità dei lavoratori è il divieto di sciopero in azienda, anche se la costituzione serba afferma che ogni lavoratore ha il diritto inalienabile di scioperare nella lotta per i propri diritti economici e professionali”, ha detto Miljkovic.

Miljković ha affermato che in queste condizioni, quando ci sono meno giorni lavorativi, i salari sono inferiori da 8.000 a 12.000 al mese perché i dipendenti ricevono il 60% per giorni di ferie retribuite, secondo la legge sul lavoro.

“Con la riduzione dei ricorsi, si arriva a poche migliaia di dinari dal minimo. Quindi pensi che possiamo sfamare le famiglie con quei soldi? ”Ha chiesto Miljković.

Il Comitato di sciopero sostiene che “FIAT plastik” opera “in nero” e beneficia di sussidi statali, e sono convinti che non ci sia motivo di ridurre gli stipendi.

La fabbrica “FIAT plastik” a Kragujevac ha 90 dipendenti ed è una consociata della società “FIAT Chrysler Automobiles Serbia”, per la quale produce paraurti per il modello 500L.

Ti potrebbe interessare: Fiat Chrysler ha interrotto di nuovo la produzione a Kragujevac

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento