in

Stellantis lascerà inattivo il suo impianto di minivan in Ontario per tre settimane

Stellantis lascerà inattivo il suo impianto di minivan in Ontario per tre settimane per carenza di chip

FCA stabilimento Windsor

Stellantis lascerà inattivo il suo impianto di minivan in Ontario per tre settimane, ha detto la casa automobilistica giovedì tardi senza fornire ulteriori dettagli. Unifor Local 444, che rappresenta i dipendenti orari dell’impianto, dice che l’impianto di assemblaggio di Windsor sarà probabilmente fermo per tre settimane a partire dall’8 febbraio “a causa della carenza di semiconduttori [la tecnologia utilizzata per produrre microchip]”.

Stellantis lascerà inattivo il suo impianto di minivan in Ontario per tre settimane per carenza di chip

Stellantis è diventata solo l’ultima casa automobilistica a ridurre al minimo la produzione a causa della crescente carenza di microchip a livello internazionale. Giovedì, Ford ha detto che ridurrà la produzione di F-150 in due turni negli Stati Uniti.

Mercoledì la General Motors ha detto che stava riducendo la produzione in quattro stabilimenti , insieme allo stabilimento Chevrolet Equinox di Ingersoll in Ontario. Stellantis costruisce i minivan Chrysler Pacifica, Chrysler Grand Caravan e Chrysler Voyager a Windsor. Tra l’altro provvedimenti simili per lo stesso motivo si stanno verificando anche negli impianti di Stellantis in Europa come Melfi e Sochaux. Vedremo dunque se la situazione rientrerà nelle prossime settimane.

Ti potrebbe interessare: Stellantis avverte che i lavoratori non saranno pagati se il blocco a Windsor ferma la produzione

Stellantis lascerà inattivo il suo impianto di minivan in Ontario per tre settimane per carenza di chip

Ti potrebbe interessare: FCA stoppa la produzione di minivan in Ontario per 5 settimane per “apportare miglioramenti” alla fabbrica

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento