in

Tra Leclerc e Sainz si configura un 2021 “ad armi pari” per Mattia Binotto

La nuova coppia di piloti Ferrari comincerà il 2021 senza ordini di Scuderia e senza prima guida: lo ha ammesso Mattia Binotto

Binotto Sainz Leclerc

Pare che Charles Leclerc non si ritrovi nella posizione di “prima guida” all’interno della nuova formazione di piloti di casa Ferrari dopo la partenza in direzione Aston Martin di Sebastian Vettel. È almeno questo ciò che ha ammesso il team principal della Scuderia, Mattia Binotto.

Al posto di Sebastian Vettel ha fatto infatti il suo ingresso in Ferrari il giovane Carlos Sainz, proveniente dalla McLaren, che disputerà proprio a fianco di Charles Leclerc la sua prima stagione “in Rosso” proprio in questo 2021. Già qualche settimana fa Binotto aveva accennato il fatto che i due piloti della Scuderia inizieranno la stagione alla pari: “non c’è nulla di scritto nel contratto sul fatto che Charles occupi la posizione di leader”, ha confermato Binotto. “I nostri due piloti saranno liberi di battagliare in pista. Penso che sia importante che non si danneggino, questo è chiaro, ma avranno sicuramente le stesse opportunità all’inizio della stagione”.

Leclerc ha condotto una stagione 2020 tra alti e bassi

Charles Leclerc ha in pratica totalizzato quasi tre quarti del complessivo in termini di punti raccolti nel 2020 dalla Ferrari. Binotto si aspetta che il contributo del nuovo arrivato, Carlos Sainz, aiuterà la squadra a ottenere risultati migliori in campionato dopo che in quest’ultima stagione la Scuderia è crollata al punto minimo da 40 anni a questa parte finendo sesta nella classifica del Mondiale Costruttori.

“È importante avere due piloti che stanno che vanno bene in gara per fare più punti possibili in ottica titolo costruttori”, ha proseguito Binotto. “So che fare bene tra i costruttori significa che i due piloti stanno andando bene in termini di classifica piloti. Spero e sono abbastanza sicuro che Carlos ci aiuterà a fare meglio in questi termini e in generale come squadra”.

Binotto è rimasto impressionato dai progressi di Sainz registrati negli ultimi anni, in particolare dal suo ritmo durante la qualifica: “è un pilota veloce, è molto forte. Se guardiamo alla stagione 2020 che ha realizzato è stata davvero un’ottima stagione. È stato ancora più veloce in qualifica che se paragonato agli anni passati vuol dire un ulteriore progressione molto positiva. Nel 2020 è stato quindi molto forte anche durante le qualifiche. È un pilota molto forte. Penso che sia uno di quei piloti che finisce le gare molto spesso e normalmente in gara migliora la sua posizione rispetto a quella ottenuta in qualifica”.

Sainz arriva alla Ferrari dopo aver militato in Toro Rosso, Renault e McLaren. Binotto si aspetta che la Ferrari trarrà beneficio immediato dall’esperienza di Sainz in altre squadre. “Ha trascorso molte stagioni in diversi team affrontando diverse metodologie in termini di lavoro con gli ingegneri o approccio al set-up, quindi ci porterà sicuramente un’esperienza diversa che siamo, ancora una volta, molto disponibili ad ascoltare per imparare dove possibile. Mi aspetto che anche lui sia un ottimo compagno di squadra per Charles. Penso che assieme si troveranno molto bene. Mi aspetto che sia un gran lavoratore. Mi aspetto che sia un leader. Mi aspetto che aiuti a sviluppare la squadra e che la squadra diventi più forte in futuro. Tutto questo già nel 2021, perciò non penso che dobbiamo aspettare il 2022, penso che nel 2021 trarremo già vantaggio dal suo ingresso in Ferrari”, ha concluso Mattia Binotto.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento