in

PSA: nessun accordo trovato con i sindacati in Slovacchia per il nuovo contratto collettivo

Groupe PSA Slovacchia e il sindacato locale OZ KOVO non hanno ancora trovato un accordo per il nuovo contratto collettivo

PSA Vauxhall

La direzione della casa automobilistica di Groupe PSA Slovacchia e il sindacato locale OZ KOVO non hanno ancora trovato un accordo per il nuovo contratto collettivo. Lo ha confermato il portavoce Peter Švec dopo il round di negoziati di giovedì 3 dicembre. Ha detto che i sindacati si erano rifiutati di concludere l’accordo per i prossimi quattro anni e hanno proposto un accordo per uno solo o al massimo per due anni.

Tuttavia, secondo la direzione della casa automobilistica, una tale soluzione non garantirà condizioni stabili per i dipendenti e potrebbe compromettere l’ambizione dello stabilimento di Trnava di vincere una competizione all’interno del gruppo per produrre un nuovo modello.

Dall’8 ottobre al 29 novembre le parti hanno negoziato con la partecipazione del mediatore. Il termine legale per la mediazione è stato prorogato due volte. Il management della casa automobilistica, come ha detto il portavoce, continua a insistere per un aumento della remunerazione che consentirà al centro produttivo di aumentare la competitività dello stabilimento di PSA come condizione necessaria per ottenere investimenti in un possibile modello futuro.

” L’acquisizione di un nuovo progetto è una condizione necessaria per il futuro dello stabilimento e dei suoi dipendenti. I criteri per il successo del centro di produzione in una competizione intra-gruppo molto impegnativa sono tre fattori chiave: prestazioni economiche, flessibilità e qualità “ , ha affermato Švec.

In retribuzione, il datore di lavoro ha proposto di aumentare il bonus di rendimento individuale mensile per gli anni dal 2021 al 2024 di una media di 10 euro in ciascuno dei quattro anni, aumentando così il livello massimo di questo bonus mensile nel 2021 a 220 euro, nel 2022 a 240 euro, nel 2023 a 260 euro e nel 2024 a 280 euro. Negli anni 2023 e 2024, la direzione di PSA propone anche un aumento generale della retribuzione di 20 euro ogni anno. La casa automobilistica vuole mantenere aumenti salariali individuali e pagare il 13 ° e il 14 ° stipendio in base agli anni lavorati.

Allo stesso tempo, il datore di lavoro propone di aumentare il contributo ai benefici per i dipendenti fedeli che hanno lavorato per più di 15 anni dal 2021. La quota di utile per il 2020, corrisposta nel 2021, è proposta dal management della casa automobilistica di aumentare di 150 euro per risultati di qualità. Per il 2019 tale importo ammontava a 1.031 euro.

“In Flessibilità dell’orario di lavoro, il datore di lavoro ha ritirato e ridotto a sei mesi i limiti originariamente proposti per il periodo di fatturazione del Conto dell’orario di lavoro. La proposta del datore di lavoro tiene conto della necessità di un grado più elevato di flessibilità verso l’alto e verso il basso, che creerà spazio per una risposta flessibile in base agli sviluppi del mercato ” , ha affermato Švec. Il salario medio degli operatori di produzione pagato nel 2019 ha raggiunto i 1291 euro al lordo delle tasse, inclusi premi e sovrattasse. La retribuzione mensile media totale senza gestione ha raggiunto 20.132 euro nel 2019.

Ti potrebbe interessare: PSA richiama in Europa alcuni veicoli Citroën, DS e Peugeot

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento