in

Coronavirus: molti potenziali acquirenti di auto hanno meno probabilità di recarsi in concessionaria

Molti automobilisti adesso prendono più sul serio l’acquisto di una vettura rispetto a prima

comprare-auto

Una ricerca condotta nel Regno Unito da Marketing Delivery ha scoperto che il 40% degli automobilisti ora è meno propenso a visitare una concessionaria durante la ricerca di una nuova auto. Ciò è dovuto all’emergenza coronavirus.

Tuttavia, lo studio ha rivelato che quasi un terzo (32%) dei conducenti britannici naviga più frequentemente durante il lockdown sui siti Web degli showroom che vendono vetture nuove e usate.

Concessionari vendite online coronavirus
Coronavirus, la pandamia sta cambiando il modo di acquistare un’auto nuova o usata

Coronavirus: il 32% degli automobilisti britannici intervistati si affida al Web per cercare l’auto da acquistare

Il 33% inoltre afferma di considerare ora seriamente l’acquisto di un’auto a causa della riduzione della spesa familiare nel 2020. Questa percentuale è più alta tra i conducenti che vivono a Londra, con oltre la metà degli intervistati (54%).

Tra i giovani con età compresa tra 18 e 30 anni, quasi due terzi (59%) hanno affermato di considerare seriamente l’acquisto di un’auto a causa della riduzione delle spese finanziarie durante il lockdown. All’inizio di questa settimana, il Primo Ministro Boris Johnson ha annunciato che le concessionarie riapriranno il 2 dicembre.

Jeremy Evans, amministratore delegato di Marketing Delivery, ha dichiarato: “Questa nuova analisi dà un senso alle opportunità uniche di vendita e marketing e alle sfide affrontate dalle concessionarie come conseguenza diretta del coronavirus. I rivenditori dovrebbero considerare il modo migliore per implementare un approccio ‘sempre disponibile e con risposta immediata’ alla gestione delle richieste, al fine di convertire in vendite il maggior numero di richieste possibile”.

Evans ha proseguito dicendo: “Gli acquirenti hanno grandi aspettative nei confronti dei rivenditori, anche durante i periodi di lockdown locale o nazionale, e molti si sposteranno altrove se non ottengono una risposta abbastanza rapida dal personale di vendita. Ciò significa che i concessionari devono rispondere rapidamente ai potenziali acquirenti, fornendo le informazioni che desiderano, quando lo desiderano. Alcune concessionarie potrebbero anche prendere in considerazione l’idea di creare un team per fornire risposte fuori l’orario di lavoro per garantire che i potenziali acquirenti ottengano sempre una risposta”.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento