in

FCA: cassa integrazione a Melfi per la linea della Fiat Punto a dicembre

Mentre i sindacati continuano a chiedere l’avvio della produzione di un nuovo modello, nella giornata di ieri FCA ha annunciato il ritorno della cassa integrazione a Melfi per gli operai e gli impiegati della linea produttiva della Fiat Punto (in totale sono più di 800 dipendenti) che si fermerà dal 18 al 30 dicembre. 

La motivazione alla base di questa scelta è sempre la stessa. Lo stop alla produzione è reso necessario per l’adeguamento dei flussi produttivi alle reali richieste del mercato che per la Fiat Punto sono, ad oggi, decisamente ridotte. Nei primi 9 mesi dell’anno in corso, infatti, la Punto ha venduto appena 40 mila unità in Europa, di cui circa 30 mila in Italia, con un calo del -19% rispetto ai dati dello scorso anno che, ricordiamo, fece registrare una flessione del -22%. 

La Fiat Punto non resterà in produzione ancora per molto. Il modello ha alle sue spalle una carriera davvero molto lunga e, nel corso dei prossimi mesi, dovrebbe uscire dal mercato definitivamente. Il problema è che, ad oggi, la Punto non solo non ha un’erede diretta ma a Melfi gli spazi e le risorse produttive oggi impegnate sulla Punto non hanno un altro modello su cui concentrarsi.

FCA, infatti, non ha rilasciato alcuna informazione in merito ai futuri progetti che potrebbero essere prodotti nello stabilimento lucano dove, ricordiamo, vengono già assemblate la Fiat 500X e la Jeep Renegade che, come oramai appare evidente, non sono in grado di colmare le capacità produttive del sito. La necessità di un terzo modello è oramai palese.

Ecco quanto dichiarato, in una nota stampa, dai segretari lucani di Uil e Uilm, Carmine Vaccaro e Marco Lomio in merito al futuro dello stabilimento di Melfi ed alla necessità di sostituire la Punto con un nuovo modello: 

“E’ da un anno e mezzo che Uil e Uilm rinnovano l’appello alle classi dirigenti e politiche perché concentrino l’impegno e l’attenzione sul problema del nuovo modello da produrre nello stabilimento di Melfi in sostituzione della Fiat Punto che da troppo tempo registra grandi difficoltà di mercato italiano ed estero sino alla totale dismissione. Dobbiamo invece registrare la profonda sottovalutazione per quanto accade a Melfi”.

Ricordiamo che da tempo si parla di una possibile nuova generazione della Fiat Punto basata sulla city car brasiliana Fiat Argo. Il progetto, mai confermato ufficialmente da FCA, anche se dovesse entrare in produzione potrebbe essere destinato ad altri stabilimenti del gruppo come Kragujevac in Serbia, dove viene realizzata la 500L, o Bursa in Turchia, sede di produzione della Tipo. Per ora non ci sono garanzie che un’ipotetica nuova Punto venga prodotta nuovamente a Melfi. 

Continuate a seguirci per tutti gli aggiornamenti legati al futuro di Melfi e degli altri stabilimenti italiani del gruppo FCA oltre che della possibile nuova generazione della Fiat Punto.