in ,

Bici e monopattini elettrici: nuove regole per l’automobilista

Il nuovo Codice della Strada rivoluzionerà la mobilità. In negativo

nuovo-codice-della-strada

Bici e monopattini elettrici: nuove regole per l’automobilista. Il nuovo Codice della Strada (quando arriverà il sì del Parlamento) rivoluzionerà la mobilità. In negativo. Il nuovo Codice della Strada rivoluziona la mobilità. Anzitutto, lungo le strade urbane a senso unico in cui è consentita la circolazione a doppio senso ciclabile, qualora risulti non agevole l’incrocio, i conducenti degli altri veicoli devono dare la precedenza alle bici e ai monopattini elettrici che circolano sulla corsia ciclabile per doppio senso ciclabile.

Bici e monopattini elettrici: pericoli in vista

Ma così si svilisce il Codice della Strada. La regola base era dare la precedenza se c’è un cartello o, in assenza, se il mezzo arriva da destra. In più, precedenza ai veicoli a rotaia. Invece, la novità squassa le regole base: caos per chi va in auto. Ma anche per gli stessi ciclisti e monopattinisti. Idem per motociclisti e autisti di mezzi pesanti.

Sorpasso di bici a ridottissima velocità

Non basta. Lungo le strade urbane ciclabili, nel caso in cui sia necessario sorpassare una bicicletta, bisognerà rallentare e farlo a ridottissima velocità. Qualora le circostanze lo richiedano. E comunque usare particolari cautele al fine di assicurare una maggiore distanza laterale di sicurezza a causa della probabilità di ondeggiamenti e deviazioni da parte della bici e del monopattino elettrico.

Quindi, da una parte il legislatore ammette la convivenza fra auto e bici/monopattini. Poi però dice che questa convivenza è pericolosissima. Come iniziare un matrimonio col marito già annoiato dalla moglie petulante. È come gettarsi dal primo piano sapendo che puoi ammazzarti, però poi spieghi che devi atterrare in modo da ammortizzare il colpo.

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento