in

Fiat Chrysler: perso un miliardo di euro nel secondo trimestre 2020

Oltre un miliardo perso da Fiat Chrysler per il Coronavirus nel secondo trimestre del 2020

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler

Il secondo trimestre del 2020 per Fiat Chrysler è stato a dir poco disastroso. Questo a causa della pandemia di coronavirus che ha costretto il gruppo italo americano a chiudere fabbriche e concessionarie per un lungo periodo. Questo ha determinato un pesante calo delle vendite e dei ricavi causando questa forte perdita. Infatti le entrate di FCA si sono ridotte di quasi 5 miliardi in questo periodo.

Fiat Chrysler perde 1 miliardo nel secondo trimestre del 2020 ma poteva andare peggio

Tuttavia non ci sono solo notizie negative per Fiat Chrysler Automobiles. Infatti in Nord America il gruppo italo americano è rimasto in positivo e a livello globale il rosso è stato meno pesante delle previsioni. Nonostante tutti questi problemi il numero uno di FCA, l’amministratore delegato Mike Manley ha affermato che i piani vanno avanti e che il suo gruppo anche grazie al prestito garantito dallo Stato italiano ha la forza e la flessibilità per portare a compimento i suoi programmi senza alcuna modifica.

Da segnalare inoltre che in LATAM (America latina), per la prima volta Fiat Chrysler Automobiles è al primo posto in termini di vendite e quota di mercato, che si è attestata al 15,9% per il trimestre. Manley ha infine detto che non si aspetta nessun ritardo per quanto concerne il completamento della fusione con PSA che darà origine a Stellantis. Pertanto così come confermato anche da Carlos Tavares e John Elkann la fusione sarà completata entro la fine del primo trimestre del 2021.

Ti potrebbe interessare: Fiat Chrysler Toledo: i dipendenti chiedono misure di emergenza