in

Fiat Chrysler Toledo: i dipendenti chiedono misure di emergenza

Fiat Chrysler Toledo: i lavoratori chiedono ulteriori misure di emergenza per far fronte a COVID-19

Jeep Wrangler produzione Toledo

I lavoratori del Fiat Chrysler Toledo Assembly Complex chiedono un’azione d’emergenza mentre continuano i rapporti sugli alti tassi di infezione da COVID-19 nello stabilimento nel nord-ovest dell’Ohio, che costruisce i famosi veicoli a marchio Jeep. Secondo i lavoratori dell’impianto, di fronte alle crescenti preoccupazioni tra i lavoratori, sia la direzione dello stabilimento che la United Auto Workers continuerebbero la loro politica di copertura dei casi COVID. Sempre secondo gli stessi, il rifiuto di indicare il numero e la posizione delle infezioni rende impossibile un’adeguata pulizia, quarantena e tracciabilità dei contatti, garantendo l’ulteriore diffusione della malattia mortale.

Fiat Chrysler Toledo: i lavoratori chiedono ulteriori misure di emergenza per COVID-19

Secondo fonti dello stabilimento Jeep, ben 75 lavoratori si sono dimostrati positivi per COVID-19 o sono in attesa di risultati dei test. A causa del blackout delle informazioni, i lavoratori stanno scoprendo nuovi casi solo attraverso i social media o il passaparola. Un membro del comitato di sicurezza di Fiat Chrysler Toledo ha dichiarato che sono necessarie misure di emergenza per far fronte alle condizioni dell’impianto. “La situazione è grave. Dovremmo chiudere per due settimane e mezzo e pulire l’intero impianto con un team appositamente addestrato.”

Secondo quanto riferito, Fiat Chrysler starebbe assumendo ulteriori dipendenti temporanei per colmare la carenza di manodopera. Gli operai di Toledo riferiscono che i lavoratori temporanei supplementari sono costretti a lavorare la domenica e a ricoprire incarichi in aree al di fuori del loro dipartimento, in evidente violazione dell’accordo di lavoro. La pandemia di coronavirus sta devastando l’Ohio mentre si diffonde negli Stati Uniti. Mercoledì, i dati dell’Ohio Hospital Association (OHA) hanno mostrato che 1.122 pazienti con COVID-positivi erano stati curati negli ospedali dell’Ohio a partire da martedì, il numero più alto dall’inizio della pandemia.

Ti potrebbe interessare: Fiat Chrysler: a Toledo i lavoratori chiedono lo stop per COVID-19

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento