in ,

Magneti Marelli licenzia capo reparto per non aver scartato pezzi difettosi per Alfa Romeo Stelvio

Sabato scorso Magneti Marelli ha licenziato in tronco il capo reparto per il mancato controllo su due pezzi difettosi per il Suv Stelvio

Fiat Chrysler Magneti Marelli
Fiat Chrysler Magneti Marelli

Sabato scorso nello stabilimento Magneti Marelli di Sulmona si è assistito al licenziamento in tronco del capo reparto per non aver scartato due componenti difettosi che poi sono stati spediti allo stabilimento Fiat Chrysler Automobiles di Cassino. E’ stato licenziato anche il lavoratore interinale che avrebbe provveduto alla spedizione dei pezzi difettosi. Il provvedimento ha colpito un dipendente di 53 anni nel giorno del suo compleanno. Si tratterebbe secondo il suo avvocato di un lavoratore con esperienza ultra trentennale all’interno degli stabilimenti del gruppo Fiat Chrysler Automobiles con esperienze anche all’estero, in Messico per la precisione.

Magneti Marelli: licenziato in tronco il capo reparto

Ovviamente il fatto ha creato grande scalpore tra i dipendenti del famoso stabilimento di Sulmona. Alessandro Margiotta, legame del dipendente Magneti Marelli licenziato, ha deciso di ricorrere contro il provvedimento considerato come sproporzionato rispetto alla gravità di quanto accaduto. Il legale ha dichiarato che al massimo si sarebbe aspettato una lettere di richiamo oppure una sospensione, ma che licenziare per un simile errore è stato un qualcosa di esagerato. Tra l’altro anche gli altri dipendenti della fabbrica hanno difeso il proprio collega considerato da tutti come un ottimo elemento. Ovviamente quanto accaduto ha attirato le attenzioni dei sindacati in uno stabilimento dove le tensioni sono già molto alte.

 Magneti Marelli, obiettivo rilancio Alfa Romeo
Magneti Marelli, capo reparto licenziato in tronco per non avere scartato pezzi difettosi per il Suv Alfa Romeo Stelvio

La Fiom-Cgil ha condannato duramente quanto accaduto

La Fiom-Cgil ha condannato duramente quanto accaduto. Si tratterebbe infatti dell’ennesimo caso discutibile che si verifica in quel luogo. Tra l’altro il fatto è avvenuto a pochi giorni dalla visita a Sulmona del segretario nazionale della Fiom Cgil, Maurizio Landini che aveva protestato contro i duri turni di lavoro a cui erano sottoposti i dipendenti di Magneti Marelli. Alfredo Fegatelli segretario provinciale della Fiom parla di gesto inquietante da parte dei dirigenti della fabbrica.

Lascia un commento

Loading…

Fca Germania

FCA Germania: grande successo nel primo trimestre del 2017

2017-Alfa-Romeo-Giulia-20-frontale tre quarti su strada

Alfa Romeo Giulia: il primo richiamo non si scorda mai