in

Alfa Romeo MiTo: a marzo in offerta da 149 Euro al mese

Alfa Romeo MiTo

Come confermato anche dal numero uno di casa Alfa Romeo Reid Bigland a margine del Salone dell’auto di Ginevra, l’Alfa Romeo MiTo e la Giulietta ricoprono un ruolo sempre più marginale nelle strategie di Alfa Romeo ed, in particolare, la MiTo si avvicina alla fine della sua carriera. Nonostante ciò la più piccola di casa Alfa continua a rappresentare, soprattutto in Italia, un modello essenziale per i più giovani che vogliono entrare nel mondo Alfa Romeo.

Per tutto il mese di marzo, l’Alfa Romeo MiTo è protagonista di due offerte decisamente interessanti. La prima proposta permette di acquistare la MiTo, in allestimento base con motore 1.4 benzina da 78 CV, al prezzo promozionale di 10,950 Euro (IPT e contributo PFU esclusi) per le vetture in pronta consegna a fronte di permuta o rottamazione e dell’adesione al finanziamento “MENOMILLE” di FCA Bank. E’ previsto un anticipo di 1.850 Euro e 61 rate mensili da 200 Euro. La prima rata dovrà essere versata ad un anno dall’acquisto.

 

 

Da notare anche l’offerta dedicata all’Alfa Romeo MiTo Diesel che, in allestimento base e con motore 1.3 MultiJet da 90 CV, viene proposta al prezzo promozionale di 15.200 Euro (IPT e contributo PFU esclusi) per le vetture in pronta consegna a fronte di permuta o rottamazione e dell’adesione al finanziamento “Liberamente Alfa” di FCA Bank. E’ previsto un anticipo di 4.650 Euro e 60 rate mensili da 149 Euro. La rata residua finale è di 4045,59 Euro. 

Leggi anche: Alfa Romeo Giulietta: a marzo in offerta da 259 Euro al mese

Ricordiamo, come sempre, che per tutti i dettagli finanziari legati alle offerte per l’Alfa Romeo MiTo è consigliabile consultare il sito ufficiale di Alfa Romeo o, in alternativa, recarsi in una delle tante concessionarie della casa italiana. Le promozioni proposte sono valide sino a fine marzo.

Alfa Romeo, Fiat, Ferrari, Maserati, Jeep, FCA: le migliori notizie della settimana (6-12 marzo)

Fiat Chrysler

Fiat Chrysler: il report finale del Ministero al centro di polemiche