in

Per Eddie Irvine, la Ferrari avrebbe dovuto pagare Vettel per non correre

Eddie Irvine avrebbe preferito pagare un anno a vuoto a Sebastian Vettel pur di non farlo correre quest’anno con la Ferrari

Vettel

L’ex pilota della Ferrari, Eddie Irvine, ritiene che la Ferrari si sia resa protagonista di una “dinamica sbagliata” durante questa stagione che è l’ultima con Sebastian Vettel al volante. Irvine suggerisce addirittura che la Scuderia di Maranello avrebbe dovuto pagare il tedesco per non correre.

Questa stagione sarà quindi l’ultima di Sebastian Vettel in casa Ferrari, dopo che la Scuderia ha concluso i rapporti col tedesco tramite l’ormai tristemente nota telefonata di Mattia Binotto. Sebbene il team principal della Ferrari, Mattia Binotto, abbia dichiarato più volte che Vettel rappresentava la prima scelta per la Scuderia nella ricerca di un compagno di squadra da affiancare al già confermatissimo Charles Leclerc per il 2021. Binotto aveva poi aggiunto che la pandemia da Coronavirus e le conseguenti ristrettezze finanziarie avrebbero costretto la Ferrari a rivalutare la posizione del tedesco all’interno del team.

Il giudizio di Eddie Irvine

Secondo Eddie Irvine, la Ferrari avrebbe quindi dovuto proporre a Sebastian Vettel un’offerta economica che gli avrebbe permesso di restare fuori durante questa stagione. “In Ferrari la pressione non è seconda a nessuno. È una situazione difficile ma penso che ora sia ancora più dura, perché la Scuderia è bloccata da un pilota che sa che verrà licenziato alla fine dell’anno. In questo momento a Maranello ripongono le loro speranze su Charles Leclerc, quindi penso solo che sia una dinamica davvero incasinata. Mi sarei sbarazzato di Vettel quest’anno per essere onesto, l’avrei pagato per andare a prendere un ragazzo o qualcun’altro. Penso che sia distruttivo avere Sebastian Vettel in questa condizione, ma avevano le loro ragioni immagino. Forse non volevano pagare così tanti soldi per uno che non avrebbe fatto nulla, non lo so”.

Irvine, che ha corso per la Ferrari dal 1996 al 1999, ha anche parlato dell’ultimo dramma vissuto dalla Scuderia: lo scontro del Gran Premio della Stiria. Con i piloti Ferrari che partivano in decima e quattordicesima piazza dopo una scarsa qualificazione sul bagnato, Leclerc ha finito per attaccare Vettel soltanto tre curve dopo l’avvio del Gran Premio realizzando l’ormai noto incidente tra i due che ha finito per eliminare entrambe le monoposto nel giro di pochi istanti. Un disastro vero e proprio.

Irvine dice che mentre Leclerc detiene la maggior parte della colpa, Vettel non era del tutto innocente. “Il problema è con Vettel che fa parecchi errori e l’ho detto molte, molte volte “, ha detto Irvine. “Durante lo scorso fine settimana, anche se è stata colpa di Leclerc, il tedesco ha lasciato la porta così spalancata. Quando Leclerc è entrato al suo interno, Vettel ha dovuto girare a destra perché l’auto era alla sua sinistra, ma ha davvero lasciato un enorme vuoto che ha risucchiato Leclerc. È stata colpa di Leclerc, ma avrei attribuito il cinque percento della colpa a Vettel”.

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento