in

Ross Brawn: “la Formula 1 deve prepararsi ad eventuali casi di Coronavirus”

Ross Brawn mette in guardia su possibili casi di Coronavirus che potrebbero coinvolgere anche la Formula 1, richiamando alla correttezza dei comportamenti

Ross Brawn

Il managing director della Formula 1, Ross Brawn, ha ammesso che la Formula 1 deve aspettarsi che qualcuno potrebbe risultare positivo al COVID-19 e deve anche essere pronta a non minimizzare il rischio di ulteriori infezioni.

In questi giorni sono stati già condotti oltre 8.500 test per la ricerca di eventuali infezioni da COVID-19 a cominciare dall’inizio del campionato in Austria la scorsa settimana, ma tutti sono apparsi negativi. Tuttavia Ross Brawn ha aggiunto che la Formula 1 non deve fare a meno di pensare che il rischio di una possibile infezione potrebbe essere reale.

Ridurre al minimo i rischi

In questi giorni sia la Ferrari che la Red Bull hanno subito degli avvertimenti dopo che alcuni membri dei rispettivi team avevano fatto a meno di rispettare i protocolli anti Coronavirus imposti dalla Formula 1. Tra i piloti c’era Charles Leclerc che una volta tornato a Montecarlo è stato fotografato durante un evento al quale aveva preso parte. “Potremmo anche avere qualche positivo ad un certo punto”, ha detto Brawn al sito web della Formula 1. “Ma speriamo quindi di poterlo controllare e di ridurre al minimo il rischio. Mia moglie, Jean, era piuttosto preoccupata per me per il fatto che io venissi qui e gli ho detto che questo dovrebbe essere il posto più sicuro per me. E quello era l’obiettivo. Finora siamo stati tutti bene, ma non possiamo essere compiacenti. È un grande sforzo per tutti e a tutti vanno i giusti complimenti, in particolare ai promoter che qui sono stati fantastici”.

Dopo il Gran Premio della Stiria di questo fine settimana, la Formula 1 dovrà dirigersi in Ungheria per il suo terzo fine settimana di gara. Brawn ha affermato che il campionato deve avere una reputazione immacolata per minimizzare il rischio di diffusione del COVID-19.

“Dobbiamo assicurarci che la Formula 1, essendo uno sport internazionale che si muove in tutto il mondo, non diventi uno sport che porta il COVID-19 in un determinato Paese”, ha detto. “Dobbiamo essere qualcosa su cui i Paesi possono fare totalmente affidamento per essere un’attività sicura da svolgere”. Il campionato è stato costretto ad annullare la sua gara di apertura stagionale in Australia dopo che un membro del team McLaren è risultato positivo. Ciò ha portato al rinvio o alla cancellazione delle prime 10 gare e alla creazione di procedure speciali per svolgere in sicurezza le gare a porte chiuse.

“Quando abbiamo avuto lo shock di Melbourne e siamo tornati, abbiamo dovuto riprenderci”, ha detto Brawn. “Ma poi ho iniziato a pensare a cosa potevamo fare per ricominciare a correre. Penso che le corse automobilistiche, come sapete, abbiano un’ottima logistica. La Formula 1 è anche molto brava ad organizzarsi, produce facilmente un piano A, un piano B, un piano C come fossero il nostro pane e burro. Questo è quello che facciamo sempre. Quindi con la FIA, con la Formula 1, con gli organizzatori, con i team, abbiamo iniziato incontri regolari per elaborare un piano e su come avremmo potuto tornare alle corse anche col concetto di biosfera, con ogni squadra divisa in piccole bolle”.