in

Alfa Romeo Racing persa nella pioggia: Giovinazzi ultimo per aver sostituito il cambio

La pioggia non porta niente di buono alle qualifiche dell’Alfa Romeo Racing; Giovinazzi viene anche penalizzato per la sostituzione del cambio

Giovinazzi

La seconda qualifica sul tracciato del Red Bull Ring che ospiterà oggi il Gran Premio della Stiria si è conclusa con l’amaro in bocca (di nuovo) per Alfa Romeo Racing. Durante le qualifiche bagnate, le due monoposto del Biscione non hanno infatti espresso niente di buono non riuscendo nemmeno a superare lo scoglio della Q1.

Kimi Raikkonen ha infatti agguantato soltanto la 16esima piazza finale mentre la 19esima posizione di Antonio Giovinazzi lo ha relegato in 20esima piazza dopo la penalità inflittagli che descriveremo meglio più sotto. Proprio Giovinazzi aveva anche tentato un possibile approdo in Q2 non riuscendo nel suo intendo e finendo fuori pista durante il suo ultimo tentativo. Una qualifica completamente da dimenticare per i due piloti del team italo-elvetico, ma con l’asciutto di oggi magari le speranze potrebbero fornire altre velleità.

La sostituzione del cambio relega in ultima posizione il pugliese

Con l’uscita di pista di Antonio Giovinazzi, il pilota di Martina Franca aveva danneggiato la sua C39 tanto da rendere necessaria la sostituzione del cambio. Il regolamento che impone la sostituzione, priva di penalità, soltanto dopo sei Gran Premi è quindi incorso in una penalizzazione che lo arretra di cinque posizioni sulla griglia. Tuttavia a causa della già difficile diciannovesima piazza agguantata dal giovane dell’Alfa Romeo l’unica posizione necessaria è rimasta l’ultima.

Scatterà quindi da lì oggi Antonio che comunque aveva ammesso ieri che “la qualifica era cominciata bene. Avevamo un buon passo ma a metà le cose hanno cominciato a non andare bene. Sul finale abbiamo invece ritrovato un passo migliore tanto che durante l’ultimo tentativo ero anche sotto il mio miglior tempo di un secondo ma all’ultima curva ho provato a forzare per raggiungere la Q2e ho perso il controllo sul cordolo fermandomi prima di tornare ai box. Di certo c’era molto acquaplaning ed era molto complicato guidare” aveva detto Giovinazzi.

Raikkone Stiria
Kimi Raikkonen

Appare simile anche il giudizio finale di Kimi Raikkonen: “la C39 non era male. Eravamo in una buona posizione per tutta la durata della sessione, prima del pit stop. Dopo la sosta infatti abbiamo perso un po’ di tempo a causa di qualche problema ai box. Prima di questo inconveniente avevamo anche realizzato qualche buon giro ma c’era anche molto traffico sebbene stavamo provando a migliorare. Non so se fosse stato sufficiente per passare in Q2 ma abbiamo dovuto concludere la sessione per la bandiera rossa. È stato deludente, più della scorsa domenica” ha concluso Kimi che ha anche escluso una eventuale penalità che lo aveva coinvolto proprio in regime di red flag.