in ,

Proroga revisioni: 1,7 milioni di auto pericolose

Con la pandemia di coronavirus, si viaggia in regola senza la revisione

revisione

Tutti sanno cosa sia la revisione periodica obbligatoria: la verifica che le auto nuove fanno dopo 4 anni, poi ogni 2 anni. È noto che con la pandemia di coronavirus, si viaggia in regola senza la revisione. Chi viene fermato e non ha sottoposto il veicolo al controllo, non prende nessuna multa. Se causa un incidente, la compagnia risarcisce i danni senza rivalsa. Ma c’è un forte allarme per la sicurezza stradale.

Proroga revisioni: mine vaganti

La proroga delle revisioni, per effetto del blocco causato dalla pandemia, genera inevitabilmente effetti negativi sulla sicurezza: lo dice Toni Purcaro, presidente di Dekra Italia e Head of Dekra Region Central East Europe & Middle East.

Lo spostamento di 6 mesi delle scadenze porterà come effetto, entro la fine del 2020, la circolazione di 1,7 milioni di auto potenzialmente pericolose. Specie se si considera che circa il 30% di queste vanta un’anzianità superiore ai 17 anni, con percorrenze oltre i 250.000 km. Sono mine vaganti.

Nuovo stato di emergenza: altre proroghe?

A questo punto, visto che Conte punta a prolungare sino a fine 2020 lo stato di emergenza sanitaria, c’è da chiedersi se le proroghe alle revisioni verranno allungare ulteriormente. Già adesso la sicurezza stradale viene pregiudicata, lo sarebbe ancora di più.

  • Tutto era nato col decreto Cura Italia: in considerazione dello stato di emergenza nazionale di cui alla delibera del Consiglio dei Ministri del 31 gennaio 2020, è autorizzata fino al 31 ottobre 2020 la circolazione dei veicoli. Quali? Quelli da sottoporre entro il 31 luglio 2020 alle attività di visita e prova.
  • Dopodiché, l’Unione europea ha complicato tutto: proroga, per un periodo di sette mesi, dei termini relativi ai controlli tecnici periodici che avrebbero altrimenti dovuto essere effettuati o che dovrebbero altrimenti essere effettuati nel periodo compreso tra il 1° febbraio 2020 e il 31 agosto 2020. E proroga per un periodo di sette mesi, la validità dei certificati di revisione con data di scadenza compresa tra il 1° febbraio 2020 e il 31 agosto 2020.