in

Formula 1: il Mugello pronto ad ospitare il GP di Toscana

L’Autodromo del Mugello dovrebbe ospitare un secondo Gran Premio nel nostro Paese a partire dal 13 settembre; pare manchi soltanto l’ufficialità che sarà comunicata in questi giorni

Mugello Test

Sembra ormai fatta con il tracciato del Mugello e pare ci sia anche una data, la stessa di cui si parlava già qualche settimana fa. Dovrebbe svolgersi proprio sul tracciato toscano di proprietà della Ferrari il secondo Gran Premio di Italia di questa pazza stagione di Formula 1 anno 2020.

Fino a questo momento manca l’ufficialità, e pare manchi realmente soltanto quella, ma dovrebbe essere comunicata già questo lunedì. In questo momento l’attuale campionato di Formula 1 si concluderà proprio a Monza col Gran Premio di Italia fissato dal 4 al 6 settembre prossimi.

La settimana successiva a Monza

La collocazione temporale scelta per il Gran Premio del Mugello dovrebbe quindi essere quella del 13 settembre prossimo, ovvero una settimana dopo l’appuntamento brianzolo. Proprio qui sarà celebrato il 1000esimo Gran Premio della Scuderia Ferrari, ovvero in una cornice incredibile e assolutamente familiare per i festeggiamenti del Cavallino Rampante. Sembra ci sia anche la denominazione che dovrebbe essere quella di GP della Toscana; va ricordato infatti che gli enti locali, a cominciare dalla stessa Regione Toscana, dal Comune di Scarperia e da quello di Firenze, supporteranno economicamente l’evento toscano.

C’è infatti il supporto del presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, peraltro in piena campagna elettorale per un probabile rinnovo del suo mandato. Inoltre sarà anche definito un protocollo tra la Regione e i Comuni interessati ovvero Scarperia e Firenze che con la sua città metropolitana include anche l’Autodromo del Mugello. È ovvio che come ogni altro Gran Premio di questa stagione anche quello del Mugello dovrà essere realizzato a porte chiuse.

Nel frattempo in Ferrari hanno girato proprio al Mugello qualche giorno fa con una SF71H guidata da Charles Leclerc e Sebastian Vettel per rispolverare gli automatismi all’indomani del lungo lockdown. Una chance comunque interessante nell’ottica di raccogliere qualche dato in più da destinare magari ad un migliore approccio per quando si correrà qui per davvero. Nel frattempo l’ultimo test effettuato qui collettivamente dalle monoposto di Formula 1 risale al 2021. Staremo a vedere cosa accadrà invece adesso.