in

General Motors chiede la rimozione del giudice nella causa contro Fiat Chrysler

General Motors sta cercando di rimuovere un giudice che ha definito la sua causa civile di racket contro la Fiat Chrysler una “perdita di tempo”

General Motors e Fiat Chrysler
General Motors e Fiat Chrysler

General Motors sta cercando di rimuovere un giudice che ha definito la sua causa civile di racket contro Fiat Chrysler una “perdita di tempo” all’inizio di questa settimana chiedendo agli amministratori delegati delle società di incontrarsi in modo indipendente per risolvere i loro problemi. La casa automobilistica di Detroit ha presentato una petizione venerdì pomeriggio alla sesta Corte d’Appello del Circuito degli Stati Uniti per respingere l’ ordine del giudice distrettuale Paul Borman affinché le parti si incontrino entro il 1 ° luglio e riassegnare il caso in via cautelare.

“Il nostro impegno per la giustizia include la responsabilità di esporre la corruzione nel nostro settore quando ne veniamo a conoscenza e chiediamo danni quando siamo presi di mira e direttamente danneggiati”, ha affermato General Motors in una dichiarazione via e-mail. “Non perseguire la giustizia premia i trasgressori a spese di persone oneste e laboriose”.

La casa automobilistica ha anche respinto “l’idea che cercare giustizia per il danno diretto causato a General Motors sia una” perdita di tempo ”, una distrazione o una diversione da questioni più pressanti e più grandi come la pandemia di coronavirus e l’ingiustizia razziale che segue la morte di George Floyd. Questo così come ha dichiarato il giudice Borman durante un’udienza di martedì a cui partecipava Fiat Chrysler che chiedeva al giudice di respingere la causa di GM.

Ti potrebbe interessare: La causa di General Motors contro FCA è stata ridimensionata da un giudice

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento