in

La causa di General Motors contro FCA è stata ridimensionata da un giudice

Un giudice ha deciso di ridurre alcune delle affermazioni fatte nella causa di racket di General Motors contro Fiat Chrysler Automobiles, nel tentativo di semplificare il caso

General Motors e Fiat Chrysler
General Motors e Fiat Chrysler

Un giudice ha deciso di ridurre alcune delle affermazioni fatte nella causa di racket di General Motors contro Fiat Chrysler Automobiles, nel tentativo di semplificare il caso alla giuria. Secondo Automotive News, il giudice distrettuale Paul Borman degli Stati Uniti ha ridotto da cinque a tre il numero di richieste che il tribunale sentirà nella causa di racket. Le affermazioni che sono state messe da parte, che si riferiscono alla concorrenza sleale e alla cospirazione civile, sono rivendicazioni della legge statale e non si riferiscono direttamente ai principali reclami nel caso del racket, che è stato archiviato ai sensi del Racketeer Influenced and Corrupt Organizations Act.

Borman ha affermato che l’ascolto delle due affermazioni della legge statale in aggiunta alle affermazioni sul racket “creerebbe problemi insormontabili, confusi e pregiudizievoli e provocherebbe confusione nella giuria che le istruzioni non potrebbero curare”. General Motors ha sottolineato rapidamente che questo sviluppo non significa che le sue affermazioni siano prive di merito.

“Queste affermazioni non sono state respinte”, ha detto il portavoce di General Motors Jim Cain ad AN . “Nella sua sentenza, la Corte afferma che la maggior parte delle accuse e delle rivendicazioni di GM nei confronti di FCA e degli altri Convenuti sono state fatte ai sensi del Racketeer Influenced and Corrupt Organizations Act (RICO) e la Corte ha esercitato la giurisdizione su queste affermazioni RICO.”

La casa automobilistica sta facendo causa a FCA che avrebbe corrotto funzionari dell’UAW al fine di ottenere un trattamento favorevole durante le trattative contrattuali con il sindacato. General Motors afferma anche che l’ex CEO di FCA Sergio Marchionne, scomparso nel 2018, lo ha fatto con l’intento specifico di indebolire finanziariamente GM e costringerlo a entrare in fusione con la casa automobilistica italo americana.

L’FBI sta attualmente indagando sulla UAW per corruzione diffusa e tre ex dirigenti di FCA si sono già dichiarati colpevoli di accuse derivanti dall’inchiesta. FCA rimane fermamente convinto che il caso di General Motors sia infondato e ha affermato che “continuerà a difendersi vigorosamente e perseguirà tutti i rimedi disponibili”, in risposta alla causa.

Ti potrebbe interessare: I capi di General Motors, Ford e Fiat Chrysler uniti in USA contro il razzismo

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento