in

FCA: una causa prende di mira i motori Tigershark MultiAir II da 2,4 litri

È stata intentata una causa per il consumo di olio relativa a veicoli del gruppo FCA dotati di motori Tigershark MultiAir II da 2,4 litri

FCA

È stata intentata una causa per il consumo di olio relativa a veicoli del gruppo FCA dotati di motori Tigershark MultiAir II da 2,4 litri che bruciano o consumano quantità di olio eccessivamente elevate. La causa sostiene che gli occupanti dei veicoli sono messi in pericolo perché i problemi di consumo di olio provocano l’arresto improvviso dei motori durante la guida. E mentre le basse pressioni dell’olio e i motori in stallo sono presumibilmente abbastanza gravi, i querelanti sostengono che i problemi potrebbero essere evitati se i sistemi di indicatori dell’olio avvisassero i conducenti di bassi livelli di olio in questi veicoli.

2015-2016 Chrysler 200
2013–2016 Dodge Dart
2016–2020 Fiat 500X
2014-2020 Jeep Cherokee
2017-2020 Jeep Compass
2015-2020 Jeep Renegade

I querelanti sostengono anche che i conducenti non sono a conoscenza di livelli di olio pericolosamente bassi fino a quando i veicoli non si spengono improvvisamente, anche se gli indicatori di cambio dell’olio presumibilmente non raccomandano ancora un cambio di olio. Fiat Chrysler (FCA USA) è presumibilmente a conoscenza dei problemi relativi al consumo di olio perché centinaia di proprietari di veicoli e locatari si sono lamentati della chiusura dei loro veicoli a causa dei bassi livelli di olio.

Chrysler commercializza i motori Tigershark da 2,4 litri come tecnologia per aumentare la potenza e la coppia del motore, ridurre le emissioni e ridurre il consumo di carburante. Ma la causa sostiene che il sistema MultiAir non funzionerà correttamente a meno che non vi sia un rigoroso mantenimento del volume di olio.

I querelanti si lamentano dei sistemi di indicazione del cambio dell’olio che ricevono input da varie condizioni operative del motore per determinare quando cambiare l’olio, quindi i conducenti sono avvisati che è tempo di cambiare l’olio. FCA afferma che condizioni come frequenti viaggi brevi, il traino di un rimorchio e la guida a temperature ambiente estremamente calde o fredde influenzeranno la visualizzazione dei messaggi di cambio olio o cambio olio richiesti ai conducenti.

Inoltre, secondo i manuali del proprietario, la guida di un veicolo in condizioni estreme può causare l’attivazione del messaggio dell’olio già a 3.500 miglia. Ai proprietari viene detto di cambiare l’olio entro le prossime 500 miglia. I manuali spiegano anche che l’olio deve essere sostituito “ a 4.000 miglia (6.500 km) o 350 ore di funzionamento del motore se il veicolo viene azionato in un ambiente polveroso e fuoristrada o è azionato prevalentemente a regime minimo o solo a bassi regimi del motore “.

La causa riguarda altre condizioni, gli intervalli di cambio dell’olio non devono superare i ” 10.000 miglia (16.000 km), dodici mesi o 350 ore di funzionamento del motore, a seconda di quale evento si verifichi per primo. Le 350 ore di funzionamento del motore o il tempo di inattività sono generalmente solo una preoccupazione per i clienti della flotta . ” Un olio motore insufficiente impedirà al motore Tigershark un raffreddamento e una lubrificazione adeguati, causando presumibilmente un’usura prematura e guasti al motore. I proprietari di veicoli si lamentano inoltre del fatto che i concessionari giurino che un veicolo che si spegne nel mezzo di un’autostrada sia una caratteristica di sicurezza.

Secondo l’azione di classe, i motori Tigershark consentono all’olio di fuoriuscire oltre gli anelli del pistone di controllo dell’olio e nelle aree di combustione. Ciò è presumibilmente causato da fasce elastiche di controllo dell’olio che non funzionano correttamente nei cilindri in cui operano.

“Sebbene le fasce elastiche non richiedano manutenzione e siano presumibilmente parti a vita, le fasce dei veicoli si consumano, per cui l’anello del pistone di controllo dell’olio viene consumato a filo con la parete del pistone, consentendo all’olio motore di essere consumato durante il ciclo di compressione.”

La causa per il consumo di olio contro FCA è stata intentata presso il tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto orientale del Michigan: Davis, et al., Contro FCA US LLC . I querelanti sono rappresentati da Hagens Berman Sobol Shapiro LLP, Miller Law Firm, PC, e Goldenberg Schneider, LPA.

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI