in

FCA collabora con Beaumont per testare i propri dipendenti

Fiat Chrysler Automobiles sta collaborando con Beaumont Health e altri sistemi medici negli Stati Uniti per testare i dipendenti che presentano sintomi di COVID-19

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler

Fiat Chrysler Automobiles sta collaborando con Beaumont Health e altri sistemi medici negli Stati Uniti per testare i dipendenti che presentano sintomi di COVID-19 prima o durante i loro turni. La casa automobilistica italiana americana ha condiviso i dettagli della collaborazione domenica prima che altri lavoratori tornassero agli stabilimenti automobilistici di Fiat Chrysler lunedì dopo un stop di quasi otto settimane. I test fanno parte dei protocolli delle aziende per mantenere le loro strutture al sicuro dopo che le preoccupazioni per il coronavirus hanno contribuito alla sospensione della produzione.

“Questi accordi di collaudo funzionano in tandem con i nostri protocolli e processi di protezione personale migliorati per garantire che la nostra forza lavoro sia protetta”, ha dichiarato Mark Stewart, Chief Operating Officer di Fiat Chrysler in Nord America, in una nota. I dipendenti che presentano sintomi del virus saranno indirizzati a uno dei cinque centri di test Beaumont di Southfield, designati per i dipendenti FCA. La partnership cerca di fornire appuntamenti e risultati nello stesso giorno.

Accordi simili sono disponibili per i dipendenti tramite Ascension St. Vincent a Kokomo, Indiana, Ospedale americano svedese a Belvidere, Illinois  con il Promedica Hospital di Toledo in Ohio. Allo stesso modo, Ford Motor Co. ha collaborato con Beaumont per fornire test ai suoi dipendenti sintomatici. Nella maggior parte dei siti della General Motors Co., i team medici in loco condurranno i test. United Auto Workers ha richiesto il maggior numero possibile di test e che tutti i membri siano testati attraverso i loro datori di lavoro quando le risorse sono disponibili.

I dipendenti sottoposti al test verranno rimandati a casa fino a quando un medico non li autorizzerà a tornare al lavoro. Riceveranno una retribuzione durante una quarantena ordinata dal medico per 14 giorni. I test sono uno dei numerosi protocolli di salute e sicurezza che le case automobilistiche di Detroit stanno mettendo in atto mentre migliaia di autoworker iniziano a tornare al lavoro in più fasi. Altre misure includono autocertificazioni sanitarie quotidiane, controlli di temperatura richiesti e fornitura di dispositivi di protezione individuale che i lavoratori devono indossare.

Ti potrebbe interessare: Ford, GM e FCA: hanno poco tempo per riavviare la produzione prima di entrare in crisi

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento