in

Fiat Chrysler Tychy prolunga lo stop alla produzione

La fabbrica Fiat Chrysler Tychy ha prolungato il periodo di sospensione al 10 maggio

Fiat Chrysler Tychy
Fiat Chrysler Tychy

La fabbrica Fiat Chrysler Tychy, che non produce automobili da metà marzo a causa della pandemia di coronavirus, ha prolungato il periodo di sospensione al 10 maggio. I tempi di fermo continuano in altre strutture europee FCA. “La direzione di FCA Poland SA informa che, a seguito dell’epidemia di Covid-19, è costretta a prolungare ulteriormente il periodo di sospensione temporanea delle attività di produzione. La sospensione temporanea si applicherà dal 4 al 10 maggio 2020.” – leggiamo nel messaggio della direzione della fabbrica indirizzato ai suoi dipendenti.

Inizialmente, si presumeva che l’impianto di Fiat Chrysler Tychy avrebbe ripreso la produzione il 30 marzo, dopo una pausa di due settimane. Successivamente l’interruzione della produzione è stata estesa più volte. Secondo i rappresentanti degli stabilimenti, ai dipendenti che non lavoreranno a causa della sospensione temporanea della produzione verrà concesso un congedo per ferie scaduto. Successivamente, verrà loro offerta la possibilità di usufruire di ferie in corso o di altre esenzioni dal lavoro.

“In altri casi – se il dipendente era pronto a lavorare – avrà diritto a un compenso per i tempi di inattività” – è stato scritto nel messaggio di Fiat Chrysler Tychy. Nei giorni di sospensione dell’attività produttiva, solo il personale necessario nominato dai superiori diretti lavora in fabbrica. “Questo personale lavorerà nel pieno rispetto delle norme e delle ordinanze governative, applicando al contempo tutte le misure di sicurezza e igiene attuate in seguito allo scoppio della pandemia di Sars-CoV-2”, afferma la società.

Prima del blocco, la fabbrica Fiat Chrysler Tychy produceva in media 1.040 auto al giorno: quasi due mesi di inattività hanno comportato una perdita di produzione di oltre 40.000 auto. Inizialmente, lo stabilimento di Tychy avrebbe dovuto smettere di funzionare solo il 16 e 17 marzo per effettuare una disinfezione completa in fabbrica. Il 16 marzo, tuttavia, è stata presa la decisione di introdurre tempi di inattività più lunghi nella maggior parte degli impianti europei. Quindi il periodo di sospensione della produzione è stato prorogato più volte.

Ti potrebbe interessare: Fiat Chrysler si rivolge agli antropologi per cercare di decifrare il consumatore post-pandemia

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento