in

Red Bull ha in programma di riaccendere le polemiche sui motori Ferrari

La Red Bull è pronta a ricominciare con le polemiche sul motore della Ferrari dopo la fine dell’emergenza coronavirus

Antonio Fuoco e Charles Leclerc sulle monoposto Ferrari

La Formula 1 potrebbe essere bloccata, ma quando lo sport riprenderà a funzionare, la Red Bull sarà pronta con altre domande sul motore Ferrari 2019. Prima che questioni più immediate e più urgenti colpissero il mondo, la Red Bull era pronta a sfidare i suoi due principali rivali, Mercedes e Ferrari, prima della nuova stagione che sarebbe dovuta iniziare in Australia. La Red Bull nel caso in cui il campionato fosse iniziato regolarmente, avrebbe lanciato una protesta ufficiale con la FIA una volta che la Mercedes avesse usato per la prima volta il suo sistema di sterzo a doppio asse durante un weekend di gara e avrebbe continuato a sondare l’organo di governo nelle sue indagini sul motore della Ferrari.

L’unità di potenza della Scuderia del cavallino rampante è stata sequestrata per un’ulteriore ispezione alla fine del 2019 a causa dei sospetti sul fatto che il motore che hanno usato durante la stagione fosse effettivamente legale. La FIA non ha fatto nulla per estinguere le fiamme che circondano la questione quando ha annunciato pubblicamente di aver raggiunto un “accordo privato” con la Ferrari per il futuro, con l’ex capo della Ferrari trasformato in presidente della FIA, Jean Todt, fortemente coinvolto nel processo dello speciale accordo in corso.

Non sorprende che ciò non sia andato a genio ai sette team di Formula 1 non motorizzati Ferrari e, sebbene la Mercedes abbia concordato una tregua con la Scuderia, la Red Bull non lascerà cadere il problema. “Al momento la questione relativa al motore Ferrari è secondaria rispetto ai problemi della F1,” ha dichiarato Horner alla BBC Sport.

“Vogliamo occuparci di tutto il resto e poi questo verrà raccolto e affrontato in un secondo momento. Abbiamo sollevato alcune domande alla FIA. Quello che direi è che un accordo confidenziale in merito alla conformità tecnica dell’auto di un concorrente è ovviamente qualcosa che solleva domande. E sono sicuro che al momento opportuno avremo una conversazione con Jean per cercare di capire perché e in che cosa consiste questo accordo con la Ferrari.”